Archivio

Posts Tagged ‘Venezia’

Il Comune di Venezia premia Geo Vasile

10 giugno 2009 3 commenti

Il Comune di Venezia premia Geo Vasile, traduttore ed italianista romeno

Il traduttore e l’italianista Geo Vasile riceverà una medaglia di riconoscimento da parte del Comune di Venezia.
Il Comune di Venezia conferirà al traduttore ed italianista Geo Vasile una medaglia per il riconoscimento dei suoi meriti nella promozione delle relazioni culturali italo-romene. La medaglia sarà consegnata dall’on. Luana Zanella, Assessore per la cultura di Venezia, nell’ambito di una cerimonia che si terrà giovedì, 11 giugno, all’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, in occasione alla presentazione del volume di poesia di Gellu Naum, a cura e con la traduzione in italiano di Geo Vasile.
Geo Vasile ha studiato al Collegio “Sf. Sava” e all’Università di Bucarest, Facoltà di Lingue e Letterature Straniere (dipartimento italiano-romeno), dove si è laureato con un tesi sulla poesia e la narrativa di Cesare Pavese. E’ membro dell’Unione degli Scrittori di Romania e la sua attività è stata ricompensata col Premio per la traduzione dal romeno in lingue straniere (Associazione degli Scrittori di Bucarest, 2000), il Premio per il debutto con studio (Colloqui tomitani, Constanţa, 2002), il Premio speciale al Salone Internazionale del Libro (Oradea, 2002), il Premio FIRI (Forum degli Intellettuali Romeni in Italia) per la promozione della cultura romena in Italia (Roma, novembre 2008), il Premio per le traduzioni della rivista “Convorbiri Literare”, XIII edizione (Iaşi, 2009).

Tra il 2000 ed il 2008 ha pubblicato edizioni bilingue, romeno-italiane, comparse in Romania e Italia, dalle opere di alcuni poeti romeni: Mihai Eminescu, George Bacovia, Ion Vinea, Gellu Naum. Inoltre, nell’intervallo 2004-2008 ha tradotto in romeno dall’opera di Italo Calvino, Umberto Eco, Giovanni Sartori, Tiziano Scarpa ecc. E’ l’autore di sei volumi di storia e critica letteraria.

(fonte: http://www.culturaromena.it)

Un’intervista a Geo Vasile in occasione del premio FIRI del novembre scorso può essere letta qui.

“BOLT” al padiglione Romania di Venezia

13 settembre 2008 Commenti disabilitati

Sabato, 13 settembre 2008, ore 13:00-15:00

Padiglione Nazionale della Romania

(Giardini della Biennale)

11-a MOSTRA INTERNAZIONALE DI ARCHITETTURA

“OUT THERE: ARCHITECTURE BEYOND BUILDING”

Inaugurazione

del Padiglione della Romania e del progetto BOLT

Commissario:

Marius MARCU-LAPADAT, architetto

Vicecommissario:

Mirela DUCULESCU, critico d’arte

L’installazione “BOLT” presenta opere di

Şerban STURDZA

e

Klaus BIRTHLER, Ştefan BORTNOWSKI, Mariana CELAC, Sebastian IONESCU, Iulian UNGUREANU,

e degli artigiani, designer e scultori:

Amur BUSUIOC, Horia GAVRIŞ, Mircea ROMAN, Virgil SCRIPCARIU e Marian ZIDARU

Organizzatore:

Unione degli Architetti della Romania

Co-organizzatore:

Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia

Con il sostegno finanziario del

Ministero della Cultura e dei Culti della Romania

BOLT è una mostra di macrofotografia di architettura, un’installazione di oggetti  interpretazioni d’autore della sedia lavorata dei rudari del Nord Oltenia.

L’installazione collega concettualmente la permanenza di un’esistenza ascetica, la presenza del paesaggio e dei suoi materiali, l’esperienza di una tradizione storica, nonché di una società esposta ad un esperimento d’ingegneria sociale ed economica estremamente difficoltosa.

BOLT presenta esempi che illustrano l’avvitamento nel suolo e nelle formazioni geografiche del suolo, l’articolazione della costruzione alla scorza terrestre che la regge, le vie architetturali di penetrazione dell’out there nella costruzione, il suo avvitamento nell’orizzonte, la relazione con la luce naturale e con la vegetazione.

BOLT, parola polisemantica in inglese si prefigge la costruzione di una relazione tra l’architettura contemporanea e un singolare out there, della Romania odierna, una valida scorciatoia verso gli elementi stabili, perenni e viabili della globalità.

La mostra sarà aperta al pubblico nel periodo 14 settembre-23 novembre presso il Padiglione Romania, Giardini della Biennale.

L’orario di visita è da martedì a domenica, dalle 10:00 alle 18:00.

Giornata di studi a Venezia sull’avanguardia romena

18 giugno 2008 Commenti disabilitati

Venerdì 20 giugno, giornata di studio italo-romena: “L’avanguardia romena in dialogo con le avanguardie europee”

“C’è un movimento internazionale delle pubblicazioni d’avanguardia, che crea di là dei confini degli stati un’atmosfera di emulazione e di stimolo reciproco, di scambio di idee e di ispirazioni, che porterà alla fine alla scoperta dello stile tanto ricercato dell’epoca e dell’intero pianeta”.
Ion Vinea, Promesse, Contimporanul (N. 50-51, 1924, Bucarest).

ore 10.00 – 13.00, Aula Magna Ca’ Dolfin – Università Ca’ Foscari, Dorsoduro 1686
L’avanguardia romena e europea tra letteratura, estetica e politica. Coordina: EMILIA DAVID
ION POP, Università Babeş-Bolyai di Cluj-Napoca, Geo Bogza, poeta dell’“esasperazione creatrice”
FRANCA BRUERA, Università di Torino, Avanguardia, “une lanterne pour aveugles”? Zampilli di sperimentalismo nel dialogo tra le avanguardie romene e europee
– Pausa –
ANGELO D’ORSI, Università di Torino, Il futurismo tra rivoluzione estetica e reazione politica

13.30-15.30: Discussione seguita da pranzo

*

ore 15.30 – 18.00, Sala Conferenze dell’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica, Palazzo Correr, Cannaregio, 2214

Sperimentalismo tipografico e pittorico nell’avanguardia romena e nel futurismo
Coordina: ANGELO D’ORSI
ERWIN KESSLER, critico d’arte, Bucarest, M. H. Maxy in the labyrinth of the avant-garde, 1920-1970
EMILIA DAVID, Università di Torino, Affinità pitto-poetiche nelle avanguardie europee: tra parole belliche in libertà e modernolatria
– Pausa –
Discussione e Conclusioni

*

Venerdì 20 giugno, alle 18.30: inaugurazione della mostra Acque lustrali di Sergio Sansevrino, allestita presso l’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica.