Archivio

Posts Tagged ‘rumeni ortodossi’

Sostegno ortodosso per i crocifissi nelle scuole italiane

17 gennaio 2010 Commenti disabilitati

Dopo le autorità ortodosse russe e greche, anche la diocesi ortodossa romena in Italia scende in campo a favore dei crocifissi nelle scuole

“La Diocesi Ortodossa Romena d’Italia ha appreso con preoccupazione la sentenza della Corte Europea dei Diritti Umani con cui viene chiesta la rimozione dei crocifissi nelle aule delle scuole pubbliche italiane”, si legge in un comunicato stampa emesso giovedì 14 gennaio e pubblicato sul sito web della Diocesi.

“La Diocesi Ortodossa Romena d’Italia sostiene”, prosegue il comunicato, “insieme al Patriarcato Romeno, tutte quelle reazioni e iniziative dello Stato Italiano in cui è ribadito il fatto che la presenza nello spazio pubblico di alcuni simboli fondanti della civiltà europea, come la croce, è utile e necessaria”. Secondo le autorità ortodosse, la familiarità con tali simboli è un elemento imprescindibile dell’educazione e “dell’apprendimento dei valori civici elementari”. Viene così sottolineato, “in nome degli oltre studenti ortodossi romeni che frequentano le 116 parrocchie e 5 monasteri della Diocesi”, il sostegno a favore degli sforzi delle autorità civili e religiose italiane, volti a mantenere i simboli cristiani nelle scuole pubbliche.

Una posizione simile avevano espresso già da novembre le autorità della chiesa greca, tramite l’arcivescovo di Atene Ieronimo, che si era dichiarato pronto a convocare un Sinodo straordinario per evitare che il caso italiano diventasse un precedente. Criticando la sentenza della Corte di Strasburgo, Ieronimo aveva detto “i diritti sono anche delle maggioranze, non solo delle minoranze”.

Anche il Patriarca ortodosso russo Kirill ha assicurato il sostegno della chiesa di Mosca al governo italiano nella battaglia per mantenere il crocefisso nelle scuole.

Annunci

Prima diocesi ortodossa romena, in Toscana

5 Mag 2008 Commenti disabilitati

Lucca, 8 maggio: nasce la prima diocesi ortodossa romena d’Italia

Un evento ecumenico di importanza internazionale. Lucca diventa sede della diocesi Ortodossa romena d’Italia. Giovedì 8 maggio alle 10 nella chiesa di Sant’Anastasio nell’omonima via del centro storico – consegnata nel maggio del 2007 da monsignor Castellani ai cristiani ortodossi di Lucca – si svolgerà la «intronizzazione» di monsignor Siluan Span come vescovo della diocesi ortodossa romena d’Italia.

Si tratta per questa comunità cristiana (che comprende circa seicento persone) di una nuova diocesi, anche se a Lucca di fatto non avrà la sua sede territoriale in quanto il vescovo Siluan Span risiederà nei pressi di Roma. Perché allora è stata scelta la nostra città? «La scelta è stata fatta dalle stesse gerarchie ortodosse romene proprio per l’ottima relazione esistente in questa città tra i cristiani delle diverse tradizioni» come sostiene padre Liviu Marina, parroco della comunità lucchese. (…) «Nel dialogo fecondo che da anni si è instaurato tra cattolici e ortodossi a Lucca, e tra questi e le chiese riformate — sostiene monsignor Italo Castellani, arcivescovo di Lucca — la nascita di una diocesi ortodossa romena d’Italia non può che riempirci di gioia. Ringrazio in particolare monsignor Iosif, Metropolita Ortodosso romeno di Parigi, che ha scelto Lucca per l’intronizzazione di monsignor Siluan Span. Questo avvenimento si inserisce nel solco di quell’ecumenismo che deve portare tutti all’accoglienza reciproca, nel nome della fratellanza in Cristo e nella ricerca della pace. Sono certo che questo ulteriore segno di fraternità possa rientrare quindi anche nella collaborazione per lo sviluppo sociale dei numerosissimi fratelli e sorelle romeni che operano sul nostro territorio e in tutta Italia».

La celebrazione dell’otto maggio in Sant’Anastasio vedrà confluire a Lucca metropoliti e vescovi ortodossi dalla Romania, il metropolita ortodosso romeno di Parigi Iosif, oltre a molti parroci e delegazioni delle parrocchie romene italiane ed estere. Saranno presenti anche diversi vescovi cattolici, rappresentanti dei vertici del Pontificio Consiglio per l’ecumenismo e vescovi di diverse città italiane.

Il programma della giornata di giovedì prossimo prevede alle 10 la liturgia e alle 12 il rito di intronizzazione. Alle 21, sempre nella chiesa di Sant’Anastasio, il coro Bizantion di Iaşi offrirà un concerto di canti della liturgia bizantina ortodossa. Un’occasione unica e preziosa per apprezzare la spiritualità ortodossa espressa attraverso il canto.

Emanuela Benvenuti, La Nazione