Archivio

Posts Tagged ‘istituti culturali stranieri a Roma’

“non solo Bach” – concerto all’Accademia di Romania

11 ottobre 2012 Commenti disabilitati

Sabato 13 ottobre, ore 20:
Accademia di Romania – Sala Concerti
(ingresso libero).

Partendo dalle danze valacche, transilvane, ungheresi, turche e polacche della Suite Türkischer Eulen-Spiegel (1688) di Daniel Speer (compositore che ha soggiornato in Transilvania), si ripercorre lo spirito musicale di una famiglia-dinastia di musicisti, i Bach, tramite le opere di Johann Sebastian, ma anche dei figli e discepoli (Carl Philipp Emanuel, Christian Petzold) nelle sonorità del violino e del clavicembalo.

Programma:

J.S. Bach – Sonata IV per violino e cembalo obbligato in do minore BWV 1017
Chr. Petzold – Suite in Sol Maggiore dall’ Album per Anna Maddalena Bach
Daniel Speer – Suite da “Türkischer Eulen – Spiegel”
C.Ph.E. Bach – Sonata per violino e cembalo in si minore Wq 76
J.S. Bach – Sonata III per violino e cembalo obbligato in Mi Maggiore BWV 1016

Mauro Lopes Ferreira – violino, Cipriana Smarandescu – clavicembalo.

Mauro Lopes Ferreira  violino
Nato a Roma, si dedica al violino con Felix Ayo e approfondisce lo studio della musica antica con Enrico Gatti e Sigisvald Kuijken. Inizia giovanissimo la sua attività con varie orchestre di musica barocca in Italia e in Francia; suona con Jordi Savall (Concert de Nations, Hesperion XX), la Cappella dei Turchini, i Sonatori della Gioiosa Marca e il Concerto Italiano, sia in orchestra che in formazioni cameristiche, esibendosi nelle più prestigiose sale di tutto il mondo (Concertgebouw ad Amsterdam, Societé Philarmonique a Bruxelles, Accademia di Santa Cecilia a Roma, Cité de la Musique a Parigi, Arsenal a Metz, Lincoln Center a New York, Palau de la Musica a Barcellona, Teatro Colòn a Buenos Aires).
Nel 2001 è stato invitato come primo violino dall’Orchestra Barocca di Siviglia. Ha registrato per Opus 111, Armonia Mundi, Astrée, Alia Vox, Sony. Ha Inciso per Naïve, le Quattro Stagioni di Vivaldi, dove ha interpretato come solista il concerto op. 8 n. 2 “l’Estate” sotto la direzione di Rinaldo Alessandrini.

Cipriana Smarandescu clavicembalo
Diplomata in clavicembalo con Patrizia Marisaldi (Vicenza) e Ogneanca Lefterescu (Bucarest), si è perfezionata poi con Ton Koopman, Andreas Staier, Patrick Ayrton, Pierre Hantaï. Vince vari concorsi tra cui quelli di Milano (Umanitaria), Pesaro (G.Gambi), ottenendo il diploma di partecipazione al concorso J.S. Bach (Lipsia).
Si è esibita in importanti stagioni e festival in Italia, Spagna, Francia, Austria e Romania (Auditorium Parco della Musica, Oratorio del Gonfalone, World Bach Festival, Le cinque perle del Barocco, Pietà de Turchini, Festival dei Due Mondi, Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano, Accademia Mozarteum, Filarmonica “George Enescu”, Radiodiffusione Romena, Bach 250, Musica Barcensis), registrando per la TVR, Radio Vaticana, Sarx Records, aliusmodum records. Membro fondatore dell’ensemble aliusmodum, ha suonato come solista in concerti di J.S. Bach, G.F. Haendel e F.J. Haydn e come continuista insieme a importanti nomi della musica antica.
Laureata in musicologia, si occupa di ricerca musicale, giornalismo e didattica, tenendo varie masterclass in Italia.

“Spazi aperti” all’Accademia di Romania in Roma – IX edizione

7 giugno 2011 1 commento

8 – 21 Giugno 2011, Accademia di Romania in Roma. 
Inaugurazione: mercoledì 8 giugno 2011, ore 19.00

Mercoledì 8 giugno 2011, alle ore 19, inaugura all’Accademia di Romania in Roma la rassegna d’arte SPAZI APERTI che giunge al suo 9° appuntamento con il tema l’Esperienza estetica, a cura di Luisa Conte.

La manifestazione, come da tradizione, raccoglie nella prestigiosa sede dell’Accademia di Romania, sino al 21 giugno 2011, le opere dei borsisti delle Accademie di Roma, degli Istituti culturali e degli artisti italiani e stranieri. Sarà presentata un’ampia panoramica dell’arte nelle sue diverse forme e espressioni, dalla video arte alle installazioni, dalla pittura alla scultura, dalla fotografia alle performance, dalla musica alla danza e al teatro.

L’evento, curato da Luisa Conte, è organizzato dall’Accademia di Romania, col sostegno dell’Istituto Culturale Romeno di Bucarest, con il patrocinio del Comune di Roma – Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico e con la collaborazione dell’Accademia del BelgioAccademia Britannica, Accademia di Danimarca, Circolo Scandinavo, Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, Reale Accademia di Spagna, Università di Timișoara – Facoltà d’Arte e Design.

Il tema della nona edizione nasce dalle riflessioni e teorie contenute nel libro L’esperienza estetica. Fondamenti psicofisiologici per un’educazione estetica di Vezio Ruggieri, professore di Psicofisiologia clinica all’Università La Sapienza di Roma. L’Esperienza estetica è un percorso individuale e soggettivo che ogni spettatore compie entrando in comunicazione con l’arte attraverso il corpo e portando con sé il bagaglio della propria esperienza umana, intesa come sintesi di processi cognitivi ed emozionali. La mostra allestita invita il pubblico ad avere un contatto sensoriale con l’arte per sentire le emozioni estetiche nella loro pienezza e sperimentare il peso, la leggerezza, la tensione ed il rilassamento, l’appoggio, il rapporto tra appoggio e movimento, tra Io e Tu.

Gli artisti presentano lavori site specific che, nelle loro diverse espressioni, tengono conto del rapporto con l’altro, lo spettatore: il risultato è un percorso ricco e variegato di ‘stimoli’ affinché ciascuno possa sperimentare l’esperienza estetica e trovare, tra le molteplici possibilità, la propria ‘emozione’.

Devis Venturelli nei suoi video, attraverso dei particolari tessuti evocativi, interroga lo spettatore sulle possibili nuove forme di architettura urbana e propone un eccentrico monumento. La video installazione interattiva di Marco Lamanna chiama in causa lo spettatore attraverso lo sguardo e il movimento mentre quella di Maria Diekmann lo coinvolge anche con l’ascolto. Richard Gasper con l’installazione entra in relazione con il corpo; KirsiMarja si sofferma sugli stati d’animo, sia nel video che nelle fotografie, mentre Laurence Snackers indaga i volti con la pittura.

ARTISTI:
Pelayo Varela Alvarez, Basmati (Saul Saguatti / Audrey CoÏaniz), Charlotte Bergman, Patricio Cabrera, Riccardo Cazzato, Aurelio Edler Copes, Alessandro Di Gregorio, Maria Diekmann, Robert Fekete, Julio Galeote Carrascosa, Carlos García Fernández, Richard Gasper, Silvio Giordano, Clara González, Andrea Jaurrieta Bariain, KirsiMarja Metsahuone, Eva La Cour, Marco Lamanna, Maruchi León, Angel Masip, Giacomo Miracola, Alessandro Morino, Ursula Nistrup, Alex Pascoli, Tommaso Pedone, Adina Plugaru, Tero Puha, Marius Purice, Sorin Cosmin Scurtulescu, Laurence Snackers, Sergiu Toma, Charlotte Troldahl, Devis Venturelli, Claudia Roxana Zloteanu.

Spazi Aperti 2010 – The Vagabond Can’t Draw

8 giugno 2010 Commenti disabilitati

10-24 giugno, Accademia di Romania, Roma

Il 10 giugno alle ore 19 all’Accademia di Romania a Roma, serata inaugurale di Spazi Aperti 2010, manifestazione artistica a cura di Mirela Pribac e Dina Dancu.
Il programma spazia nelle varie forme della rappresentazione artistica, sia visiva, con pittura e scultura, progetti d’architettura e fotografia, istallazioni e performance, sia musicale con concerti e danza. Si esibiranno trentaquattro artisti visivi (30 stranieri e 4 italiani) maestri provenienti da tutto il mondo e da accademie e istituti culturali esteri a Roma. Tutte le opere presentate saranno pubblicate in un catalogo a diffusione internazionale.
Spazi Aperti è stata ideata nel 2003 dagli artisti borsisti dell’Accademia di Romania e si svolge sin dalla prima edizione negli ambienti non convenzionali dell’edificio che ne è sede. L’evento, giunto alla ottava edizione è già da qualche anno tra gli appuntamenti di arte contemporanea più attesi da critici, collezionisti e pubblico della Capitale.
Gli appuntamenti da non perdere sono: il 10 giugno alle ore 20.30 in anteprima a Roma lo spettacolo di danza contemporanea: “Cvartet Pentru o Lavaliera” – regia Vava Stefanescu del Centro di Danza Contemporanea di Bucarest già tutto esaurito al debutto in Romania. Sempre il 10 giugno alle ore 22.00, concerto di musica elettronica-gypsy di Shukar Collective, gruppo di musicisti zingari che ha entusiasmato ai recenti festival di Brighton e Londra.

Tante sorprese per la serata del 15 giugno dalle ore 20.00 in occasione della performance di Terry Adkins, statunitense, artista senza compromessi, autore di installazioni, musicista. Il suo recital si sviluppa attorno alla scultura – installazione in interazione con la musica che suona col sax, col video che scorre, con la letteratura recitata e il coinvolgimento del pubblico. Il 24 giugno in chiusura di rassegna, one man show spettacolo di danza – performance dell’attore Eduard Gabia, protagonista del film Cover Boy di Carmine Amoroso con Luciana Littizzetto. Quella stessa sera recita Monica Samassa, interprete del film Mare Nero di Roberta Torre.