Archivio

Posts Tagged ‘cinema’

Transilvania Film Festival: un altro sguardo in Europa

2 giugno 2008 Commenti disabilitati

Tiff: 30 maggio – 8 giugno, Cluj-Napoca

La settima edizione del più importante festival rumeno, dal 30 maggio all’8 giugno a Cluj-Napoca. Tra le pellicole presenti: il remake di Funny Games di Haneke, e Boogie di Radu Munteanu.

Il Festival del Cinema Internazionale della Transilvania (Tiff) è ormai diventato il palcoscenico per presentare le più importanti pellicole rumene. Il pubblico del Tiff è stato, ad esempio, testimone delle prime visioni di film rumeni diventati poi successi internazionali. Un esempio? La morte del signor Lazarescu (2005) di Cristi Puiu, che si è aggiudicato il premio di Cannes “Un certain regard”, 12:08 A est di Bucarest (2006), e il lavoro di Crisitan Mungiu 4 mesi, 3 settimane e 2 giorni (2007), Palma d’oro nel 2007.

L’edizione del 2007 si è rivelata un successo: 50.000 i visitatori, divisi nelle quattro sale del teatro Cluj-Napoca, dove si è tenuto il festival, e più di 100 le pellicole originali proiettate.
L’edizione del 2008 inizia il 30 maggio ed esordirà con il regista austriaco Michael Haneke, con un remake, in versione americana, del suo Funny Games. Tra gli altri eventi: lo showcase musicale Doc’n’roll e il workshop Let’s Go Digital, per insegnare a giovani amatori ad usare una telecamera digitale, a scrivere un copione e a realizzare un corto, che sarà poi proiettato durante la cerimonia finale l’8 giugno.

Una delle proiezioni più attese del Tiff è Boogie di Radu Munteanu che dirige Dragos Bucur e Anamaria Marinca (conosciuta per aver recitato in 4 mesi…). È un film dedicato alla «generazione di quanti si avvicinano ai trenta», si afferma sul sito ufficiale del Festival, divertente e con una sceneggiatura impeccabile, opera di Răzvan Rădulescu e Alex Baciu. La sezione di Cannes Quinzaine des réalisateurs, lo ha annoverato nella sua lista dei suoi preferiti.
Altre pellicole che meritano di essere menzionate sono Calatoria lui Gruber (Il viaggio di Gruber, 2007) di Radu Gabrea, che racconta la storia della deportazione e dello sterminio degli ebrei durante la Seconda Guerra Mondiale, Pescuit sportiv (Pesca sportiva, 2007) di Adrian Sitaru o il documentario Podul de flori (Il ponte di fiori).

Durante l’edizione del 2007, Alexandra Maria Lara, attrice tedesca di origini rumene ed ex membro della giuria del Tiff ha presentato due dei suoi ultimi film: Offset (2006), una coproduzione tedesco-rumena e Control di Anton Corbijn (2007), storia del cantante della band inglese Joy Division.

Florin Lipan (traduzione di Francesca Zecca). Fonte: www.cafebabel.com

Annunci

Colea Răutu, volto sacro del teatro romeno

19 maggio 2008 Commenti disabilitati

Se n’è andato Colea Răutu, volto sacro del teatro romeno

Venerdì scorso si sono svolti a Bucarest i funerali di Colea Răutu, attore scomparso il 13 maggio, all’età di 95 anni.

Colea Răutu (il suo vero cognome di nascita era Rutkovski) è nato il 28 novembre 1912 nel distretto di Bălţi, in Bessarabia (all’epoca nella Rusia zarista, nell’attuale territorio della Rep. Moldova). Ha iniziato la sua carriera artistica come cantante nel coro dell’Opera di Cluj ma, dopo vaer seguito gli studi del Conservatorio di Arte Drammatica di Bucarest, dal 1934 si è dedicato all’arte drammaturgica, lavorando per diversi teatri, soprattutto a Bucarest (tra i quali Teatrul de Revistă “Constantin Tănase”, Teatrul de Operetă, Teatrul Naţional, Teatrul Giuleşti, Teatrul “C. Nottara”).

La sua carriera di attore è lunghissima. Oltre ad essere stato interprete in numerosi ruoli teatrali, Colea Răutu è diventato una figura nota al pubblico largo grazie alle sue presenze in oltre 70 pellicole e serie televisive.

Filmografia selettiva: Desfăşurarea (Come si svolsero le cose), 1954; Bijuterii de familie (Il mulino della fortuna), 1956; Setea (La sete); Răzbunarea haiducilor (La Nave Dei Dannati), 1968, “Mihai Viteazul (L’ultima crociata), 1970; Ulzana, 1974; La Lunga Strada Senza Polvere, 1978; Ultima noapte de dragoste (L’ultima notte d’amore), 1979; Cel mai iubit dintre pământeni (Il più amato dei mortali), 1993.

[Fonte foto funerali: http://www.gandul.info]