Archivio

Posts Tagged ‘associazioni romene’

Caso Racz: due associazioni chiedono al Majestic di ripensarci

30 marzo 2009 Commenti disabilitati

Comunicato stampa congiunto FIRI ed ERI

“Inaccettabile comportamento dell’Hotel Majestic di Roma”.

Roma, 29 marzo 2009

Le associazioni FIRI (Forum degli Intellettuali Romeni d’Italia) ed ERI (EuRomeni d’Italia), nell’ambito delle iniziative a tutela del rispetto del principio fondamentale di presunzione di innocenza e contro ogni forma di pregiudizio nei confronti degli stranieri presenti in Italia, lanciano un appello all’Hotel Majestic di Roma perché ritorni sui suoi passi ed assuma, come annunciato, Karol Racz.

Non è tollerabile, infatti, che una struttura alberghiera di tale prestigio ceda di fronte alle posizioni ostili ingiustificabili e frutto di inaccettabile pregiudizio di alcuni suoi dipendenti.

Se l’Hotel Majestic dovesse confermare la non assunzione di Karol Racz in virtù di tali comportamenti, FIRI ed ERI valuteranno se lanciare una pubblica campagna internazionale volta ad invitare i potenziali clienti a non alloggiare presso la struttura in questione e, sussistendone i presupposti, a richiedere l’intervento dell’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali (UNAR).

FIRI ed ERI si stanno attivando, inoltre, per reperire – come già fatto per Alexandru Loyos Isztoika – una dimora anche a Karol Racz, il quale, dopo essere stato “eroe” per un giorno, scemato l’interesse commerciale nei suoi confronti, porta ancora un marchio indelebile frutto di un errore giudiziario, nonostante la bocciatura delle ipotesi accusatorie nei suoi confronti da parte del Tribunale del Riesame ed in virtù degli accertamenti scientifici espletati.

Dr. Horia Corneliu Cicortas, Presidente F.I.R.I. (cell. 349-7562472)

Avv. Fabio Maria Galiani, Portavoce E.R.I. (cell. 339-1246254)

Annunci

Revocata alla Badescu la qualifica di membro d’onore del PIR

11 marzo 2009 Commenti disabilitati

Il partito dei romeni d’Italia (PIR) revoca la qualifica alla Badescu

(Fonti: PIR, roma.repubblica.it/)

Roma, 10 marzo 2009

Revocata ieri a Ramona Bădescu la qualifica di membro d’onore del PIR (Partito dei Romeni d’Italia-Identità Romena). Lo ha reso noto il partito stesso in una nota.

“Il Partito dei Romeni d’Italia-Identità Romena – si legge nella nota – preso atto delle recenti dichiarazioni rese alla stampa romena dall’attrice, membro d’onore del Partito, preso atto che tali dichiarazioni ledono gravemente l’immagine del Partito stesso e che sono in palese contrasto con la qualifica di membro di onore sin qui ricoperta dalla signora Bădescu, revoca con effetto immediato la qualifica di membro di onore del Partito conferito sin dal 2007 alla signora Ramona Bădescu alla quale comunque si augura ogni bene per il prosieguo della Sua attività artistica”.

Tali dichiarazioni ostili sono state peraltro rese dalla Bădescu “sia nel suo ruolo di consigliere del sindaco Alemanno, sia nella sua recente qualità di portavoce FARI”, ha ricordato oggi il segretario nazionale del PIR Mihai Muntean, in una conversazione col presidente del FIRI.

Si ricorda qui che la “FARI” che ha come portavoce Ramona Bădescu, è un’associazione nata all’inizio di febbraio, omonima della già preesistente Federazione delle Associazioni per i Romeni in Italia, la quale ha subito un attacco fraudolento col concorso della stessa ex-soubrette – cfr. su questi temi il seguente link).

24-25 maggio, Milano: Forum della comunità romena d’Italia

23 maggio 2008 4 commenti

24-25 maggio: Si è svolto a Milano il primo Forum della comunità romena d’Italia. I rappresentanti della diaspora romena in Italia (associazioni, personalità del mondo culturale, rappresentanti dei culti religiosi, dei sindacati e dei partiti) hanno incontrato i rappresentanti del governo di Bucarest.

Il Forum è stato organizzato dal Consolato Generale della Romania a Milano, in collaborazione con un gruppo d’iniziativa di alcune associazioni e col sostegno del DPPR (Dipartimento per le relazioni con i romeni nel mondo, del Ministero romeno degli affari esteri, MAE). L’evento è nato per iniziativa del premier Călin Popescu-Tăriceanu, che lo aveva proposto durante la sua visita in Italia, nel novembre 2007. Sono stati presenti il segretario di stato romeno Mihai Gherghiu, e l’ambasciatore in Italia Răzvan Rusu. I 150 partecipanti hanno rappresentato un’ottantina di associazioni romene d’Italia, oltre agli organizzatori, ospiti istituzionali, giornalisti ecc. I rappresentanti della diaspora romena in Italia – associazioni, personalità del mondo culturale, rappresentanti dei culti religiosi, dei sindacati e dei partiti – hanno affrontato insieme ai rappresentanti del governo di Bucarest un’ampia tematica, suddivisa in cinque sezioni: 1. lo sviluppo e la coesione della realtà associativa; 2. l’educazione in lingua romena; 3. il reinserimento socio-professionale e le opportunità imprenditoriali; 4. l’impatto dell’infrazionalità sull’integrazione della comunità romena nella società italiana; 5. l’immagine della comunità romena in Italia.

Il Forum è stato innanzitutto un’occasione per molti rappresentanti della diaspora di conoscersi e di individuare linee future di collaborazione. Lo stesso segretario di stato Gheorghiu ha dichiarato che è stato raggiunto il principale obiettivo del Forum, quello di “aumentare il grado di solidarietà della comunità romena d’Italia”, come punto di partenza per futuri incontri annuali.

In un’intervista alla televisione romena TVR International, l’ambasciatore romeno presso la Santa Sede, Marius Lazurcă, ha sottolineato il ruolo “cruciale” delle chiese nelle comunità della diaspora, e in particolare quello della Chiesa cattolica italiana, che in molti casi ospita le parrocchie ortodosse romene. Anche il console generale della Romania a Milano, T.G. Dinu, ha auspicato l’unificazione di una comunità nota piuttosto per il suo individualismo, a pochi giorni dall’inaugurazione della prima Diocesi ortodossa romena d’Italia.

A sua volta, George Tesereanu, presidente dell’associazione Democrazia e Libertà, ha messo in risalto il “bonus di governabilità” rappresentato delle rimesse degli emigrati inviate in Romania, definendo la comunità romena all’estero “una delle più efficienti aziende della Romania”. Tesereanu ha parlato dell’importanza di una selezione qualitativa nel processo di federalizzazione del mondo associazionistico romeno, ai fini si una promozione efficiente della comunità. Un’idea, questa, convergente con quella espressa dall’avv. Fabio Galiani, dell’associazione Euromeni d’Italia, che ha auspicato un “associazionismo qualificato”.

Nel suo intervento, il consigliere presidenziale Cătălin Avramescu ha letto il messaggio di Traian Băsescu rivolto ai partecipanti al Forum, sottolineando in seguito l’importanza del rispetto delle leggi del paese in cui gli emigrati vivono e la necessità di cambiamenti positivi nella società romena (che è la fonte di molti problemi sociali con cui si confrontano gli emigrati). Da parte sua, l’ambasciatore Razvan Rusu si è impegnato nell’assicurare cambiamenti importanti nel funzionamento delle missioni diplomatiche in Italia. (A questo proposito, Crina Suceveanu dell’Associazione Nicolae Bălcescu di Palermo ha chiesto un abbassamento delle tariffe praticate per i vari servizi consolari, da molti ritenuti troppo care).

Oana Marinescu, del Ministero degli Affari Esteri, ha parlato a lungo dei danni subiti dalla comunità romena a causa della drammatizzazione mediatica di alcuni casi di cronaca, e a incoraggiato i romeni d’Italia a mantenere contatti sia con la stampa romena che con la stampa italiana, comunicando le loro iniziative culturali e invitando i rappresentanti della stampa locale alle varie azioni e iniziative intraprese, ai fini di controbilanciare il peso eccessivo che le notizie negative riscuotono talvolta nei mass-media italiani.

Sono stati discussi inoltre temi come: i programmi di incentivazione del ritorno dei lavoratori romeni in patria, la protezione dei minori, l’integrazione sociale della minoranza rom, il programma-pilota di insegnamento nelle scuole italiane dei corsi di lingua e civiltà romena, l’importanza della diplomazia culturale, il voto elettronico per i residenti all’estero.

Pur senza deliberazioni o documenti sottoscritti, il Forum è stato un primo passo per l’organizzazione e il coordinamento della comunità romena in Italia, e probabilmente nei prossimi mesi darà i primi frutti di un lavoro che richiederà coesione, intelligenza e perseveranza.

C.H. Cicortas, Veronica Drugas