Archive

Archive for the ‘archeologia’ Category

L’area danubiana e l’Impero di Costantino. Convegno all’Accademia di Romania

3 dicembre 2013 Commenti disabilitati

L’èra costantiniana. Percorsi sociali, politici e religiosi in area danubiana e nel resto dell’Impero

Convegno a cura di Mihai Bărbulescu, Lietta De Salvo, Iulian M. Damian

 Accademia di Romania in Roma, 6 – 7 dicembre 2013

costantino

Programma:

Venerdì, 6 dicembre, ore 15 – 17,30

Apertura dei lavori

Indirizzi di saluto

Presiede: Andrea Giardina (Scuola Normale Superiore di Pisa)

Lietta De Salvo (Università di Messina), Introduzione ai lavori

Giorgio Bonamente (Università di Perugia), Profili tetrarchici nell’azione politica di Costantino

Roberto Cristofoli (Università di Perugia), La politica e la memoria di Massenzio nell’Oratio ad Sanctorum Coetum

Coriolan Opreanu (Istituto di Archeologia e Storia dell’Arte, Cluj-Napoca), Relazioni politico-diplomatiche e economiche tra l’Impero Romano e i Barbari a Nord del Danubio (IV sec.)

Rita Lizzi Testa (Università di Perugia), Le trasformazioni delle élites sociali nell’èra costantiniana

Discussione

Ore 18 – 20

Presiede: Emilian Popescu (Accademia Romena, Bucarest)

Mihail Zahariade (Istituto di Archeologia, Bucarest), Di nuovo sul foedus del 332 tra l’Impero e i Goti

Enrico Silverio (Foro di Roma), L’età di Costantino e la sorte delle istituzioni di sicurezza della città di Roma: questioni e prospettive

Lucietta Di Paola (Università di Messina), Ordo clericorum e dignitates civiles in epoca costantiniana. Alcune riflessioni

Marilena Casella (Università di Messina), Costantino e Giuliano: un’antitesi amplificata

Discussione

Sabato, 7 dicembre, ore 9 – 11

Presiede: Cesare Alzati (Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano)

Emilian Popescu (Accademia Romena, Bucarest), Il cristianesimo in Romania al tempo di Costantino

Alexandru Barnea (Università di Bucarest), I martiri della Dobrugia (III – IV sec.)

Doina Benea (Università di Timişoara), La Dacia al tempo di Costantino, tra paganesimo e cristianesimo

Nelu Zugravu (Università di Iaşi), Una eco anticostantiniana in Aurelio Vittore

Carla Falluomini (Università di Torino), La cristianizzazione dei Goti: le fonti linguistiche

Discussione
Costantino_nord-limes_png

Ore 11,30 – 13.30

Presiede: Arnaldo Marcone (Università Roma Tre)

Sorin Nemeti (Università di Cluj-Napoca), Costantino, i Goti e la diffusione del cristianesimo a Nord del Danubio

Mihai Căţoi (Commissione Romena per la Storia e lo Studio del Cristianesimo, Bucarest), Correzioni e integrazioni alla cronologia dell’Audianesimo

Anna Maria Liberati (Museo della Civiltà Romana, Roma), A proposito di una interpretazione dell’èra costantiniana dagli anni Trenta del Novecento ad oggi in Italia

Cesare Alzati (Università Cattolica di Milano), Costantino: un variegato paradigma e la sua fortuna

Discussione

Conclusioni: Arnaldo Marcone (Università Roma Tre)


“La numismatica per l’Archeologia, l’Archeologia per la Numismatica”

3 giugno 2010 1 commento

4 – 5 giugno 2010
Accademia di Romania in Roma / Museo dei Fori Imperiali:
Convegno internazionaleLa numismatica per l’Archeologia, l’Archeologia per la Numismatica “

Venerdì, 4 giugno 2010, Accademia di Romania (Biblioteca, I piano)

Ore 9,00 Apertura dei lavori – indirizzi di saluto:
Prof. Mihai Barbulescu / S.E. Razvan Rusu, Ambasciatore della Romania

Ore 9,20 – 11 Moderatore: Radu Ardevan
9,20 Adriano Savio – Alessandro Cavagna (Milano)Archeologia e Numismatica: il caso dell’Egitto greco-romano
9,45 Giovanni Gorini (Padova), Ritrovamenti monetali e storia della città: il caso di Ancona greca
10,10 Emanuel Petac (Bucuresti)The Persian gold coins hoard from Orgame
10,35 Mihaela Iacob (Tulcea)I Romani alle foci del Danubio da Augusto a Diocletiano: la storia attraverso le monete

Ore 11,30 – 12,45 Moderatore: Dana Balanescu
11,30 Gabriel Talmatchi – Gabriel Custurea (Constanta)Coin and archaeology. Case study: the Dobrujan findings
11,55 Mihai Dima (Bucuresti)A hoard of silver coins of Istros found in Southern Dobrudja
12,20 Carlo Poggi (Modena)Uno statere a leggenda KOSON da S. Cesario sul Panaro (Modena) e le tesaurizzazioni repubblicane dell’Emilia

Ore 12,45 – 14 Presentazione di libri. Moderatore: Emanuela Ercolani Cocchi

Ore 15,30 -16,50 Moderatore: Maria Caccamo Caltabiano
15,30 Ermanno Arslan (Milano)La valutazione della mobilità della moneta nello spazio, lo scavo archeologico, la raccolta di superficie e la registrazione dei ritrovamenti affidabili
16,00 Emanuel Petac (Bucuresti)The stater hoards from Kallatis and Sarmizegetusa and the date of Burebista’s Pontic campaign
16,25 Emanuela Ercolani Cocchi (Bologna)La numismatica tra storia e archeologia, alcuni esempi dal territorio della Regio VIII

Ore 17,20 – 19 Moderatore: Adriano Savio
17,20 Cristina Draghici (Bucuresti)Il vetro e la moneta nell’età romana. Una relazione possibile
17,45 Radu Ardevan (Cluj-Napoca) – Adrian Ardet (Caransebes)Nuove scoperte monetarie nell’insediamento romano di Tibiscum-“Iaz”
18,10 Dana Antoaneta Balanescu (Resita)Considérations sur les découvertes monétaires des thermes antiques Baile Herculane – Herkulesbad (dép. Caras-Severin, Roumanie)
18,35 Silviu Purece (Sibiu)Hiding moments of the hoards, found in Southern part of Roman Dacia, obtained by using archaeological information

Sabato, 5 giugno 2010
Museo dei Fori Imperiali, via Quattro Novembre 94

Ore 9 Indirizzi di saluto: Dott.ssa Lucrezia Ungaro

Ore 9,20 – 11 Moderatore: Emanuel Petac

9,20 Lucian Munteanu (Iasi), Coin Finds in the Military Settlements of Roman Dacia.
9,45 Nicoleta Demian (Timisoara)Comments on the dating of the Roman Legionary Fortress from Berzobis based upon monetary discoveries
10,10 Mariana Pîslaru (Turda) – Mihai Barbulescu (Cluj)Tappe di costruzione e di demolizione nel castrum di Potaissa alla luce dei ritrovamenti monetari
10,35 Anna Lina Morelli (Bologna)Le fibulae con solidi dalla necropoli di Villa Clelia (Imola, BO): emissioni imperiali o monete di imitazione?

Ore 11,30 – 13,30 Moderatore: Ermanno Arslan
11,30 Mihai Munteanu (Cluj-Napoca)Errori sulle monete civiche PROVINCIA DACIA e P M S COL VIM
11,55 Maria Caccamo Caltabiano (Messina)Tra numismatica e archeologia: comunicare per immagini
12,20 Anna Maria Liberati (Roma)La Gipsoteca Numismatica del Museo della Civiltà Romana a Roma
12,45 Andrea Saccocci (Udine) – Luca Villa (Milano)Una zecca clandestina nel Castello di Toppo di Travesio (Pordenone)

Ore 13,10 Chiusura dei lavori

programma convegno

L’Accademia di Romania, 20 anni dalla caduta del Muro

7 novembre 2009 Commenti disabilitati

L’Accademia di Romania, 20 anni dalla caduta del Muro. Intervista con Prof. Mihai Bărbulescu, direttore dell’Accademia di Romania di Roma

Roma, 6 novembre 2009 (Italia Network)
Situata nel cuore di Valle Giulia, a Roma, in un  grandioso edificio neoclassico, l’Accademia di Romania, unica  nel mondo,  ha avuto una vita piuttosto travagliata, influenzata dai grandi eventi politici in patria, che si sono succeduti nel tempo.
Inaugurata nel 1931 – anche se la tradizione di inviare  a Roma  dei borsisti risale al 1922 -, l’Accademia funziona sino al ’48, anno in cui il nuovo regime politico comunista decide di chiuderla.


Per i successivi vent’anni, l’Accademia è completamente abbandonata. I primi segnali di vita riprendono nel ’68 con la riapertura della  biblioteca  e da lì a poco ricominciano a tornare anche dei borsisti. Ma dura poco: solo tre anni.
Nel ’73, infatti, l’Accademia conosce una nuova, lunga battuta d’arresto che durerà sino al 1990, anno in cui l’istituzione ricomincia la sua attività culturale. Solo nel ’99, però la situazione riprende la piena normalità con il ritorno dei borsisti.

“Molti affermano che non è cambiato molto con la caduta del Muro di Berlino,  in realtà è cambiato tutto. Abbiamo ancora molti problemi da risolvere ma ora siamo un paese democratico” afferma il Professor Mihai Bărbulescu, direttore dell’Accademia di Romania. Docente di Storia Antica ed Archeologia all’Università di Cluj, è alla guida dell’Accademia da un anno ma conosce bene l’Italia. In passato, infatti, ha preso parte a scavi archeologici a Metaponto su invito del famoso archeologo romeno Dinu Adameşteanu e molte altre volte ancora è giunto in Italia per convegni e per promuovere le  relazioni universitarie tra i due paesi. Un’attività, quest’ultima, che gli è valso il Premio Anassilao che gli verrà conferito il 14 novembre a Reggio Calabria.

Quali sono le finalità dell’Accademia e come interagisce con la città di Roma?

PROF. BARBULESCU: L’Accademia nasce con due finalità: accogliere i borsisiti e promuovere la cultura romena in Italia. I nostri borsisti, circa 12, risiedono  per due anni. Sono laureati in storia, archeologia, lingue classiche e moderne, belle arti e architettura. Sono selezionati attraverso un bando di concorso nazionale e arrivano qui con un progetto di studio preciso legato alla città di Roma o all’Italia. Grazie a queste borse di studio, considerate nel nostro paese le più prestigiose,  i nostri borsisti frequentano corsi all’Università,  hanno professori italiani di riferimento e possono accedere  a tutte le biblioteche. Gli studiosi di archeologia, inoltre, prendono parte  anche  ad alcuni scavi.
I nostri borsisti, solo per citare gli ultimi eventi, hanno preso parte ad una mostra sull’architettura organizzata all’Acquario lo scorso giugno; hanno partecipato all’evento “Rome. The Road to Contemporary Art” e uno dei nostri pittori  ha anche vinto il secondo premio della Fondazione Pio Istituto Catel con il  concorso “L’immagine Contemporanea di Roma.
Quanto alla nostra attività culturale, collaboriamo con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Roma, abbiamo infatti  aderito al Progetto Calliope dell’Auditorium-Parco della Musica e  abbiamo molti contatti con le università e con le  altre accademie straniere che operano a Roma e, una volta l’anno, organizziamo qui “Spazi Aperti”, un grande evento in cui partecipano gli artisti borsisti delle altre accademie che realizzano in ogni ambiente della nostra sede opere site specific.

Quali sono gli eventi interculturali più significativi che avete in programma?

La prossima settimana si terrà all’Università  “La Sapienza” e qui in Accademia un convegno internazionale dal titolo “Ripensando il 1989: la fine dell’egemonia sovietica nei paesi dell’Europa Orientale”, un evento per ricordare i venti anni della caduta del Muro di Berlino a cui parteciperanno studiosi romeni, italiani e francesi.
Ai primi di dicembre c’è  in calendario un convegno su Eugène Ionesco, il drammaturgo francese di origini romene di cui ricorre il centenario della nascita:  due giornate di studi a cui prenderanno parte, di nuovo,  studiosi italiani, romeni e francesi.
Nell’ambito del Progetto Calliope sono in programma tre iniziative: a fine dicembre si svolgerà all’Auditorium-Parco della Musica il concerto in onore del musicista  romeno Roman Vlad, già Direttore  artistico del Teatro alla Scala di Milano e Sovrintendente del Teatro dell’Opera di Roma. Un grande artista, che vive in Italia da tempo,  di cui verranno interpretate le musiche.
Il prossimo anno, invece, sono  previsti  il concerto dedicato a Horaţiu Rădulescu e quello del violinista e  compositore Alexandru  Bălănescu che si esibirà  con un’artista folk romena, Ada Milea.
All’inizio del prossimo anno è prevista ancora la grande mostra  “L’oro antico in Romania”, che verrà allestita ai Mercati Traianei. Organizzata con il  Comune di Roma e con la collaborazione della nostra Accademia, il Museo Nazionale di Bucarest porterà nella capitale celebri tesori in oro ed argento che vanno dalla preistoria sino primo millennio d.C.
Inoltre, la nostra attività si articola in molte iniziative che si svolgono presso la nostra sede come concerti, convegni, mostre. Tra queste, voglio ricordare la  mostra “L’umana sintesi”  dell’artista Ileana Florescu, una fotografa italiana di origini romene che vive in Italia da molto tempo, che abbiamo inaugurato alcuni giorni fa.  E ci tengo a precisare che il pubblico dei nostri eventi è al 95% composto da italiani. E sono tanti gli italiani che frequentano i nostri corsi gratuiti di romeno e la nostra biblioteca, la più grande biblioteca romena all’estero che vanta 40.000 testi. Questo a dimostrazione che ci teniamo a dialogare con il vostro Paese.

Dalla Romania sono arrivate in Italia negli ultimi anni quasi un milione di persone. Come ha influito questa grande emigrazione sulla cultura romena?

Per secoli e sino alla metà del Novecento i nostri riferimenti culturali internazionali sono state la Francia e la Germania: erano le culture di questi due paesi ad influenzarci maggiormente. Ora la situazione è cambiata e la Francia ha decisamente perduto terreno. L’Italia sta diventando un nuovo modello culturale. Un cambiamento causato, chiaramente,  dalla grande emigrazione romena in Italia e favorita dal fatto che  le nostre due lingue sono ambedue romanze e,  grazie a questa comunanza linguistica, si può arrivare più facilmente alla cultura italiana.
Prima degli anni  Ottanta, infatti, i romeni che arrivavano in Italia erano pochi ed erano soprattutto intellettuali. Dal ’89 ha avuto inizio questa emigrazione di carattere economico che ha  avuto grandi ripercussioni perché un milione di persone che arriva in Italia vede, conosce e si apre, inevitabilmente, ad una nuova cultura.
Non bisogna, tuttavia, dimenticare che  già dalla fine dell’Ottocento in Romania c’è stata a livello universitario una tradizione di italianistica e i grandi centri universitari, quello di Bucarest così come quello di Cluj, hanno tenuto corsi e  pubblicato opere di autori italiani.
Le relazioni universitarie tra Italia e Romania sono state sempre eccellenti e sono tanti gli accordi interuniversitari in vigore. E non è casuale che le università riunite in un consorzio a Cluj hanno appena aperto una sede distaccata a Viterbo dove dal prossimo anno si  terranno dei corsi per i romeni che vivono qui.

Quale la sua idea di cultura italiana?

Essendo io un archeologo sono incantato dalle antiche vestigia, dai musei. La mia formazione mi permette di cogliere da vicino tutto ciò che è arte e patrimonio. Roma è  affascinante per la varietà che offre  da questo punto di vista: una ricchezza causa di continuo stupore e meraviglia.
Allo stesso tempo non comprendo come nella capitale artistica del mondo, si trovi anche tanto kitsch. Penso, per esempio, alle molte bancarelle che invadono Piazza Navona…

**************

Un’intervista rilasciata dal prof. Bărbulescu un anno fa, al momento del suo insediamento come direttore dell’Accademia di Romania) e pubblicata sul settimanale Ziarul de Duminică (supplemento culturale del quotidiano economico Ziarul Financiar) il 28 nov 2008, può essere letta  – in romeno – qui. (n. red. FIRI).

L’oro dei Daci – convegno a Roma

13 maggio 2009 Commenti disabilitati
L’ORO DEI DACI

Convegno di studi

Mercoledì, 13 maggio, ore 9,00 / Accademia di Romania

Giovedì, 14 maggio, ore 9,00 / Museo dei Fori Imperiali


Interveranno studiosi dalla Romania – dr. Mihaela Simion (Ministero della Cultura, dei Culti e del Patrimonio Nazionale, Bucarest), dr. Lucia Marinescu, dr. Floricel Marinescu, dr. Crisan Museteanu, dr. Ernest Oberländer Târnoveanu, dr. Paul Damian, dr. George Trohani (Museo Nazionale di Storia della Romania), dr. Viorica Crisan, dr. Eugen Iaroslavschi (Museo Nazionale di Storia della Transilvania, Cluj-Napoca) e dall’Italia – dott.ssa Lucrezia Ungaro (Musei dei Fori Imperiali, Roma), dott.ssa Anna Maria Liberati (Museo della Civiltà Romana, Roma), prof. Livio Zerbini (Univ. di Ferrara).

Saranno presenti specialisti nella protezione del patrimonio archeologico venuti dalla Romania -prof. Augustin Lazãr, dr. Mircea Suteu (Univ. di Alba Iulia), Aurel Condrut (capo commissario, Polizia Romena, Bucarest) prof. Sorin Alãmoreanu (Univ. di Cluj-Napoca) e dall’Italia -prof. Claudio Cimino (segretario generale della World Association for the Protection of Tangible and Intangible Cultural Heritage, Roma) e dr. Paolo Giorgio Ferri (Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma).

All’ Accademia di Romania sarà visitabile la mostra documentaria “L’oro dei daci”, realizzata dal Museo Nazionale di Storia della Romania. In collaborazione con: Museo dei Fori Imperiali (Roma), Museo Nazionale di Storia della Romania (Bucarest), Ministero della Cultura, dei Culti e del Patrimonio Nazionale della Romania.

(Il programma in pdf è scaricabile qui)

Una grande civiltà dell’antica Europa, in mostra a Roma

25 settembre 2008 Commenti disabilitati

Cucuteni-Trypillya. Una grande civiltà dell’antica Europa

16 settembre – 31 ottobre
Palazzo della Cancelleria
Piazza Della Cancelleria, Roma
Ingresso gratuito
Orari: dal martedì alla domenica, dalle 10.00 alle 18.00
Info: tel. 0698260929

Secondo alcuni sarebbe la culla dei Sumeri, per altri la mitica Atlantide. E’ la misteriosa Cucuteni-Trypillya, considerata la prima grande civiltà d’Europa, al centro della mostra che sancisce la prima collaborazione in campo storico e culturale fra Romania e Ucraina, con uno speciale contributo della Repubblica di Moldavia. ”Cucuteni-Trypillya: una grande civiltà dell’antica Europa”, a Palazzo della Cancelleria di Roma dal 16 settembre al 31 ottobre, espone oltre 450 reperti fra i più significativi finora emersi dagli scavi e provenienti dai musei e dalle collezioni private più importanti dei tre Paesi.

In mostra le proto-citta’ ricostruite dagli archeologi, le cui prime testimonianze risalgono al V millennio a.C. Cucuteni-Trypillya si e’ sviluppata nelle regioni che oggi fanno parte di Romania, Ucraina e Repubblica di Moldavia. Il nome e’ stato scelto dagli archeologi in base a quello dei villaggi Cucuteni in Romania, vicino a Iaşi, e Trypillya [Trypillia, Tripolie] in Ucraina, vicino a Kiev, dove, alla fine del XIX secolo sono state rinvenute per la prima volta ceramiche dipinte e statuette di terracotta.

A più di cento anni dalla loro scoperta questi siti archeologici sono entrati nella letteratura scientifica di tutto il mondo: si tratta infatti di una civiltà estesa su circa 350.000 km quadrati con insediamenti di varie dimensioni che si sviluppavano su centinaia di ettari, elaborate fortificazioni, abitazioni che variavano da capanne interrate a costruzioni fino a due piani, oggetti in ceramica e una religione affascinante testimoniata da idoli e oggetti cultuali simbolici, la cui funzionalità è ancora in fase di interpretazione.

Fonte: Adnkronos

Per dettagli e approfondimenti: www.info.roma.it/evento_dettaglio.asp?eventi=12080