Home > letteratura, libri > A maggio in “Orizzonti culturali italo-romeni”

A maggio in “Orizzonti culturali italo-romeni”

6 maggio 2014

ORIZZONTI CULTURALI ITALO-ROMENI (n. 35, maggio 2014, anno IV), mensile online bilingue; per l’edizione romena, cliccare qui.

Edizione italiana

La Romania al Salone del Libro di Torino e l’apporto della nostra rivistaDall’8 al 12 maggio si terrà a Torino la XXVII edizione del Salone Internazionale del Libro. Per la sesta volta consecutiva, anche la Romania vi sarà presente, mediante uno stand curato dall’Istituto Culturale Romeno di Bucarest, tramite il Centro Nazionale del Libro e l’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia. Anche quest’anno, Orizzonti Culturali Italo-Romeni si onora di essere media partner della Romania al Salone. L’editoriale di Afrodita Cionchin presenta l’evento ed evidenzia lo specifico apporto della nostra rivista nella promozione della letteratura romena in Italia.

Cioran-Kraus«L’agonia dell’Occidente», il carteggio tra Cioran e Wolfgang KrausProtrattosi per quasi vent’anni, il carteggio tra Cioran e il filosofo della cultura austriaco Wolfgang Kraus (L’agonia dell’Occidente. Lettere a Wolfgang Kraus 1971-1990, a cura di Massimo Carloni, Edizioni Bietti), con le sue centocinquantotto lettere si dimostra uno dei più ragguardevoli tra quelli del grande di Răşinari fino ad oggi pubblicati. A far da sfondo al dialogo epistolare, l’orizzonte della crisi della cultura europea prefigurata dallo sgretolamento dell’Impero asburgico. Il libro sarà presentato al Salone del Libro di Torino il 10 maggio (ore 18), presso lo Stand della Romania.

«Falso trattato di manipolazione»: la grande sintesi di Ana Blandiana«Non sono fatta per comandare le persone bensì per emozionarle e convincerle». Si può condensare in questa frase un aspetto essenziale dell’ultima, straordinaria uscita editoriale di Ana Blandiana, Fals tratat de manipulare (Falso trattato di manipolazione, Humanitas, 2013, 481 pp.), una sorta di testamento morale della sua vita. Il libro riassume il senso profondo della visione che questa grande autrice ha maturato su se stessa e sul proprio percorso intellettuale e politico nell’arena pubblica romena, dove si staglia possente la sua rettitudine civica e morale. A cura di Mauro Barindi.

Andrei Pleşu: «La gioia nell’Est e nell’Ovest»Le differenze di mentalità tra l’Est e L’Ovest europeo, a partire dal ʻconcettoʼ di gioia. Vengono messe in luce dal testo di Andrei Pleşu che qui proponiamo, scritto appositamente per un pubblico non romeno, al fine di presentare, attraverso una brillante analisi comparativa, aspetti essenziali di mentalità diverse. «Una delle ragioni per cui l’Est e l’Ovest a volte faticano a capirsi – segnala Pleşu – è il fatto che non si “sottintendono”, che hanno esperienze diverse su quello che, nella vita di tutti i giorni, è “dato per scontato”». Un autore da tradurre. A cura di Natasha Danila.

Ilarie_Voronca_by_Robert_DelaunayIl poeta amato da Ionesco: Ilarie Voronca e lo splendore della vitaPoeta romeno d’origine ebraica, Ilarie Voronca è uno dei protagonisti dell’avanguardia poetica romena. Nato a Brăila nel 1903 e noto all’anagrafe con il nome di Eduard Marcus, ha avuto una vastissima produzione poetica, prima in romeno e poi, dopo l’espatrio avvenuto nel 1934, in francese. Giovanni Rotiroti propone un’introduzione all’opera di Voronca, riportando anche le illuminanti parole di Eugène Ionesco su questo grande poeta inventore della «pitto-poesia», morto suicida nel 1946: «Amavo molto la sua poesia: densa, ricca, sfavillante di immagini fresche e numerose».

«Vagando cautamente dentro me stessa». Versi di Ofelia ProdanOfelia Prodan è una delle poetesse oggi più apprezzate in Romania. Ha esordito nel 2007 e ha vinto numerosi premi letterari nazionali. In Italia ha vinto il Premio Internazionale di Poesia e Prosa «Napoli Cultural Classic», VIII edizione, 2013, classificandosi al primo posto nella sezione Poesia in lingua straniera. I suoi componimenti sono tradotti in italiano, spagnolo, portoghese, inglese, francese, ungherese e olandese. Pubblichiamo una selezione di versi dell’ultima raccolta, Călăuza (Cartea românească, 2012), con la traduzione di Răzvan Purdel e la presentazione del critico Ion Pop.

La famiglia nel processo migratorio, tra distanze e ricongiungimentiSegnaliamo il Convegno La famiglia nel processo migratorio, tra distanze e ricongiungimenti, in programma il 9 maggio a Roma, in occasione della 20° Giornata Internazionale della Famiglia, e promosso da Khalid Chaouki, in collaborazione con ADRI – Associazione delle Donne Romene in Italia – e SOLETERRE, Strategie di Pace ONG Onlus. Il convegno tratterrà il fenomeno della mobilità familiare con le molteplici problematiche implicate e si svolgerà a Roma, presso la Sala del Mappamondo della Camera dei deputati.

ocir maggio 2014
Database Italianistica traduzioni: aggiornamento 2013Nell’ambito dei progetti di database avviati dalla nostra rivista per creare uno strumento operativo centralizzato, a tutt’oggi non esistente, segnaliamo l’aggiornamento del terzo database, Italianistica traduzioni, con gli autori italiani pubblicati in traduzione romena nel 2013. Accanto ai classici della letteratura italiana editi nella collana bilingue «Biblioteca Italiana» della Humanitas, come Boccaccio, Goldoni, Giovanni Botero e Sandro Penna, figurano diversi scrittori dei nostri giorni: Alessandro Baricco, Federica Bosco, Margaret Mazzantini, Paolo Ruffilli e Fabio Stassi.

 

 

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: