Home > eventi, libri > Novità editoriale: Mircea Eliade, “Salazar e la rivoluzione in Portogallo”

Novità editoriale: Mircea Eliade, “Salazar e la rivoluzione in Portogallo”

2 novembre 2013

Novità editoriale: Mircea Eliade, “Salazar e la rivoluzione in Portogallo”

di Simona Vălan, FIRI

 ARCH_GALLI_IMPERO_ANTIM_1bA 71 anni dalla pubblicazione in Romania, il libro di Mircea Eliade Salazar e la Rivoluzione in Portogallo  approda anche in Italia, stampato dalla casa editrice Bietti di Milano, nella collana l’Archeometro. Oltre al testo di Mircea Eliade – per la prima volta tradotto in italiano -, il volume comprende due saggi critici, firmati da Sorin Alexandrescu e da Horia Corneliu Cicortaș, e sarà presentato in anteprima – una decina di giorni prima dell’inizio della distribuzione commerciale – all’Accademia di Romania in Roma, il 7 novembre prossimo. Abbiamo quindi approfittato per parlare di questa novità editoriale con il curatore, Horia Corneliu Cicortaș, un intellettuale romeno da molti anni in Italia, che vive e lavora tra la Toscana e Trento.

***

Simona Vălan: Lei è uno studioso di Mircea Eliade, noto come studioso dello yoga o dello sciamanesimo, o anche come scrittore di narrativa. Com’è arrivato a occuparsi della traduzione di questo libro su António de Oliveira Salazar?

Horia Corneliu Cicortaș: L’iniziativa è partita dalla casa editrice Bietti, che ha voluto collocare questo libro, un po’ “dimenticato”, di Eliade, nella nuova collana di saggistica l’Archeometro. Attraverso Giovanni Casadio, storico delle religioni e ammiratore di Eliade, mi è stato proposto di curare l’edizione italiana. A sua volta, in qualità di nipote, detentore dei diritti d’autore e di esegeta delle opere di Eliade, Sorin Alexandrescu ha caldeggiato questa iniziativa, fornendo il saggio che, insieme alla mia postfazione, accompagna il Salazar e la rivoluzione in Portogallo.

Cosa potrebbe spingerci a leggere oggi un libro su un dittatore controverso, risalente al 1942, e a chi si rivolge?

A mio avviso il volume, così come viene proposto al pubblico italiano, con l’apparato critico necessario, susciterà non solo la curiosità degli studiosi di Eliade o degli storici del Portogallo, ma anche quella dei lettori interessati ad approfondire la storia europea del Novecento, comprese le dittature, le varie rivoluzioni e i protagonisti politici del “secolo breve”.  La travagliata storia portoghese moderna, con tutti i suoi capovolgimenti, colpi di stato e rivoluzioni, è raccontata in modo avvincente, con calore epico accompagnato da una sottile ironia, tipicamente eliadiana.

Salazar nei primi anni Quaranta.

Salazar nei primi anni Quaranta.

C’è stata poi una curiosa coincidenza: la lavorazione dell’edizione italiana è avvenuta in un periodo in cui abbiamo assistito al “fascino” dei governi tecnici e all’ascesa di movimenti di protesta nuovi, come il Movimento 5 Stelle. Ciò avviene oggi, come in passato ma ovviamente in forme attuali, a scapito – e, secondo alcuni, in conseguenza – del parlamentarismo partitico percepito come sistema di potere lontano, se non estraneo o addirittura ostile, ai “problemi della gente”. Anche da questo punto di vista e al di là di certe formulazioni e “tic mentali” dell’epoca, ormai fuori moda, il libro del 1942 può apparire stimolante e per certi versi, sorprendentemente attuale.

Ha avuto particolari difficoltà traduttive nel lavoro sul testo di Eliade?

Nella primavera del 1942, l’autore si trovava da soli due anni all’estero. Eppure in una lettera all’amico Noica, in cui gli chiedeva di aiutarlo a “limare” il dattiloscritto del Salazar, Eliade si lamentava dei legami “indeboliti” con la lingua romena, dovuti alla lontananza dal Paese e alla frequentazione esclusiva dei libri stranieri. A questo si aggiunge  il fatto che, essendo come sempre proteso verso nuovi progetti e cantieri, Eliade non aveva la pazienza di curare lo stile delle sue pubblicazioni.

A parte, quindi, gli inevitabili interventi “cosmetici”, la traduzione cerca di mantenere lo stile e il ritmo specifici della scrittura eliadiana.

Prima della traduzione del saggio su Salazar, sappiamo che si è occupato di alcune opere teatrali di Mircea Eliade. Quali sono i suoi progetti su questo versante?

Ho iniziato traducendo nel 2008 La colonna infinita, pièce del 1970 il cui protagonista è lo scultore Brancusi nel suo periodo di crisi creativa, successiva alla realizzazione dei grandi capolavori che lo hanno reso celebre nel mondo. In questi ultimi anni, tra altri progetti, ho completato la traduzione dei testi teatrali eliadiani (con Uomini e pietre, Ifigenia, 1241 e Avventura spirituale) la cui pubblicazione è prevista all’interno di un volume. Sono contento che lo spettacolo tratto da La colonna infinita, prodotto dalla compagnia toscana Telluris, sia andato in tournée non solo in Italia ma anche nella patria – e nella città – di Brancusi. L’anno scorso è stata poi la volta di Ifigenia, messa in scena dallo Stabile di Catania. Quindi, l’Italia ha reso tributo alla drammaturgia eliadiana, la quale deve però ancora arrivare sugli scaffali delle librerie.

***

Nota: L’intervista è disponibile anche sulla pubblicazione online Orizzonti culturali italo-romeni, anno III, n. 11, novembre 2013, in italiano e in romeno; quest’ultima versione è uscita in forma cartacea sul quindicinale Ora României di Torino, anno IV, n. 69, sabato 26 ottobre 2013, p. 4.

****

UPDATE – articoli correlati e recensioni:

Filippo Coralli, “Salazar e la rivoluzione in Portogallo. Note su Mircea Eliade”, in Orizzonti culturali italo-romeni, dicembre 2014.

Enrico Maria Romano, “Un dittatore cattolico: il professor Antonio de Oliveira Salazar”, in Campari & De Maistre, 23 settembre 2014.

 

Giovanni Sessa, “Eliade e la Rivoluzione spirituale. Un progetto politico tra Portogallo e Romania”, PoliticaMente, anno IX, n. 92, aprile 2014.

Stefano Di Ludovico, “Mircea Eliade, Salazar e la rivoluzione in Portogallo” (recensione), Diorama letterario, n. 318, marzo 2014.

Stefano Chemelli, “Salazar ‘quasi’ dittatore”, L’Adige, 2 aprile 2014 (qui accanto in jpeg).Chemelli_Eliade_Salazar

Marcello Sacco,“Salazar e la rivoluzione in Portogallo” (recensione), blog del sito web SulRomanzo.it, 16 febb. 2014.

Alessandro Vagnini, “Salazar e la rivoluzione in Portogallo”: Eliade critico (e autocritico) della democrazia, Orizzonti culturali italo-romeni, febbraio 2014.

Luca Gallesi, “Eliade esalta Salazar (e persino l’avvicina a Gandhi)”, recensione su Avvenire, 24 gennaio 2014 (qui sotto).

Carlo Gambescia, “Il libro della settimana”, recensione sul blog dedicato alla metapolitica, giovedì 23 gennaio 2014.

Dalmazio Frau, “Eliade e la rivoluzione portoghese”Totalità, 27 novembre 2013.

“Alle radici della crisi”, puntata di “Pagina 3” del 13 novembre 2013, Rai Radio 3, riascoltabile in modalità podcast.

Luca Negri, “Quando l’utopista Eliade tifava per il dittatore Salazar”, Il Giornale, 13 novembre 2013, p. 27. Versione web, qui e qui.

Iuliana Anghel,  “Presenze culturali a Roma”, con un’intervista radiofonica al curatore, Radio Romania Internazionale, 5 nov. 2013;

Eliade@Avvenire

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: