Home > letteratura > A gennaio in “Orizzonti culturali italo-romeni”

A gennaio in “Orizzonti culturali italo-romeni”

12 gennaio 2013

A GENNAIO IN ORIZZONTI CULTURALI ITALO-ROMENI
www.orizzonticulturali.it (n. 1, gennaio 2013, anno III), mensile online di cultura, ISSN 2240-9645

La Transilvania che non c’è più: Dieter Schlesak, «Uomo senza radici»

Nel 2011 Dieter Schlesak ha pubblicato Uomo senza radici, un romanzo dove il protagonista – alter ego dello scrittore – scopre di mancare di radici proprio mentre torna alla sua terra d’origine. La Transilvania, patria di tutti i sassoni che lì sono nati, non c’è più, si è fatta altra, e la morte della madre del protagonista sancisce la fine di un’epoca, con le sue figure e i suoi riti. «Andarmene da questa luce. Non sentire più il rintocco delle ore, non sentire più niente. Nascondermi. Sparire. Essere un nessuno. E così poter sopportare tutto», scrive Schlesak. Vivetta Valacca lo recensisce.

Scrittori romeni tradotti in Italia, è boom. Ecco quel che è uscito nel 2012

La presenza della Romania come Paese ospite al Salone Internazionale del Libro di Torino ha fatto del 2012 l’anno con il maggior numero di autori romeni tradotti e pubblicati in Italia nel XXI secolo. Si tratta prevalentemente di scrittori contemporanei viventi, dove figurano tra l’altro il Premio Nobel Herta Müller, accanto ai ben noti Ana Blandiana, Norman Manea, Mircea Cărtărescu. Afrodita Cionchin presenta una rassegna completa di questi libri, rilevando come la narrativa faccia la parte del leone. I titoli sono inseriti anche nel database di questa rivista Scrittori romeni in italiano.

Una «virtuosa della lingua»: Florina Ilis e la sua opera narrativa

Florina IlisLa scrittrice romena Florina Ilis [foto sinistra]è nota al pubblico italiano per due libri in traduzione: La crociata dei bambini (Isbn Edizioni, 2010) e Cinque nuvole colorate nel cielo d’Oriente (Atmosphere Libri, 2011). Il traduttore Mauro Barindi ne presenta l’opera, soffermandosi in particolare sui due romanzi sopra citati: «Scrittura fluida e cristallina, eleganza e destrezza, capacità inventiva e fantasia, potrebbero conferire a Florina Ilis il qualificativo di “virtuosa della lingua” della narrativa romena. Certamente una delle autrici più apprezzate e discusse oggi in Romania».

Anteprima. Filip Florian gioca con «I giorni del re»

Di Filip Florian è già stato pubblicato in Italia il romanzo Dita mignole (Fazi Editore, 2010). Ora, per la cura di Maria Luisa Lombardo, proponiamo in anteprima alcuni brani del romanzo Zilele regelui (I giorni de re), libro con il quale Florian ci porta nella Romania del XIX secolo, crocevia di popoli e di culture. Il romanzo si incentra sulla storia del dentista berlinese Joseph Strauss, non senza implicarvi quella del suo gatto, Siegfried, e quella del futuro re dei Principati Uniti di Romania. Storie parallele e interdipendenti, dal cui intreccio scaturisce l’azione del romanzo.

Inedito. «Lisbona per sempre», l’amore secondo Mihai Zamfir

Mihai Zamfir, professore di letteratura e autore di romanzi pubblicati da grandi editori romeni, è ancora sconosciuto ai lettori italiani. Proponiamo in traduzione inedita alcuni brani del suo Lisbona per sempre, raffinato romanzo d’amore nel quale l’autore adotta una forma inattesa nella narrativa di oggi, quella epistolare. Affiancato da una tipica tecnica narrativa – quella del ritrovamento di un manoscritto (nel nostro caso, di un carteggio) – questo artificio serve allo scrittore per imbastire la propria storia, inframmezzata da pause e riflessioni. Presentazione e traduzione di Mauro Barindi.

Una protagonista della «Nuova Europa»: la Grande Romania

Un’incursione nella storia del primo Novecento, firmata da Alberto Basciani. Le trasformazioni che seguirono la prima guerra mondiale rappresentarono per la Romania l’occasione per realizzare il definitivo compimento della propria unità nazionale, iniziata nel 1859 con l’unione dei due piccoli Principati di Valacchia e Moldavia. Fu la prima tappa di un percorso accidentato e controverso al termine del quale nacque la cosiddetta România Mare (Grande Romania). Un’accurata ricostruzione della genesi di uno Stato, all’epoca il più esteso e popolato del Sud-est dell’Europa.

Davide Bigalli: «Nel tempo del conformismo, chi è libero non si piega»

«È una fase di crisi, lunga e non ancora risolta: quello che preoccupa è questa ʻidolatria dell’immagineʼ, questa concezione che si contenta di ʻeffetti di superficie’. Nel tempo del conformismo, è il tempo anche delle anime libere, che non si piegano e continuano, spes contra spem, a pensare, a votarsi al difficile lavoro della filosofia». Il ruolo della filosofia nella società e nella cultura contemporanea, segnate da frammentazione e conformismo, è al centro dell’intervista realizzata da Ciprian Vălcan con il professor Davide Bigalli, dell’Università di Milano.

Cinque nuvole colorate
Marmo e barrique, storie di cultura e di amicizia tra Timişoara e la Sicilia

Timişoara in Romania e Menfi in Sicilia: un legame che passa dalla cultura e dal buon vino. Ce lo presenta Gianluca Testa, raccontando prima la storia dello scultore Stefan Calarasanu che, colpito dalle rovine del sisma del ’68 nella Valle del Belice, ha voluto lasciare una sua testimonianza nella piazza principale di Menfi. Quindi è la volta di BarriqueArt, iniziativa legata al vino e all’arte con cui a gennaio si commemora il terremoto del Belice, a Menfi, esponendo diverse botti di barrique trasformate da alcuni artisti romeni in vere e proprie opere d’arte.

«Identificazione di una donna». Omaggio a Michelangelo Antonioni Si è da poco concluso il centenario della nascita di Michelangelo Antonioni (Ferrara 1912-Roma 2007), grande maestro del cinema italiano e mondiale. Rendiamo omaggio alla sua memoria, con un’analisi che Filippo Salvatore fa di Identificazione di una donna (1982), che ben può considerarsi, col senno di poi, la più autobiografica di tutte le sue opere. Il film presenta significati multipli e va decifrato a diversi livelli. La chiave che meglio può introdurre al suo ricco ventaglio di significati presenti è proprio la considerazione della natura del cinema come arte.

 

 

 

 

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: