Home > letteratura, libri > Babbo Natale & Co – un romanzo da Guinness dei Primati

Babbo Natale & Co – un romanzo da Guinness dei Primati

19 dicembre 2012

di Andreea Demirgian

Il 15 dicembre scorso, 53 scrittori romeni si sono incontrati nei laboratori della Facoltà di Matematica dell’Università di Bucarest e hanno scritto il più veloce romanzo maratona, dal titolo Babbo Natale & Co (Moș Crăciun & Co.). Il libro è stato scritto in 9 ore, 5 minuti e 8 secondi, sotto l’attenta sorveglianza di un arbitro internazionale di calcio, che ha cronometrato tutto, e di rappresentanti del Guinness dei Primati, contenti di venire in Romania a omologare un record dell’intelligenza collettiva. L’inedita iniziativa è stata promossa dall’Associazione Culturale Aedificatio, presieduta da Gabriel Horaţiu Decuble.

Babbo Natale & Co.Uno dei più noti critici letterari romeni, Marius Chivu, racconta come è avvenuto tutto. “È stato un esperimento molto piacevole. La letteratura è un’occupazione privata, che lo scrittore esercita nell’intimità della sua stanza; ma la letteratura può essere anche gioco, convenzione, può imporsi da sola delle norme, costrizioni. Assieme agli scrittori Florin Iaru, Răzvan Ţupa e Gabriel Horaţiu Decuble, abbiamo deciso il tema e i personaggi. Io sono stato un narratore che ha sorvegliato tutto questo lavoro. Come momento dell’azione ci serviva un giorno importante dal punto di vista narrativo, e abbiamo scelto la Vigilia di Natale; l’azione del romanzo è ambientata nel pomeriggio e la sera del 24 dicembre, e tratta una serie di vicende e momenti più o meno inediti nello schema dei preparativi natalizi, quando c’è tanto stress e tanta agitazione per le strade. Si tratta della Vigilia di Natale, a pochi giorni dopo che la fine del mondo non è avvenuta”, spiega Marius Chivu.

Dopo 9 ore, 5 minuti e 8 secondi, Babbo Natale & Co è stato impaginato e le prime dieci copie sono state stampate in solo mezz’ora  con l’aiuto dell’Editrice ART. Adela Greceanu è uno dei 53 autori. Le abbiamo chiesto un commento su questa meravigliosa avventura, dalla prospettiva dello scrittore.

“È stato divertente, in realtà ognuno di noi ha dovuto scrivere pochissimo, ha dovuto concentrarsi su una certa scena, sapendo alcuni dettagli sui personaggi e meno su tutto il romanzo. In fin dei conti è stato un gioco. Le cose non vanno prese troppo sul serio, né minimizzate. È stato un reale sforzo collettivo e una bella cosa, che 53 scrittori romeni sono giunti alle 9 in punto e hanno dovuto aspettare i temi da trattare affinché alla fine risulti un romanzo, spero, coerente. Ho letto alcuni brani su Internet; suonavano benissimo, avevano ritmo, stile, senza avere un’impronta estremamente personale. Non so chi, cosa ha scritto; i nomi degli autori appaiono solo sulla copertina, non è indicato quale brano abbia scritto ognuno di noi”, ha detto Adela Greceanu.

Il romanzo ha registrato anche un record in materia di reazione dei critici. “Non pochi sono i casi in cui gli scrittori, gli intellettuali, in generale, tendono a sottovalutarsi collettivamente e a sopravalutarsi individualmente. È un esperimento che si propone di contraddire questa tendenza e dimostrare che l’originalità e la creatività possono sorgere anche in seguito ad un impegno collettivo, basato sulla solidarietà di gruppo, non solo come risultato di un io singolare e irriducibile”, dichiarava all’inaugurazione dell’evento Laura Albulescu, direttrice editoriale dell’Editrice ART.

scriitori-mos-craciunAbbiamo chiesto al critico Marius Chivu quale valore letterario ha il più velocemente scritto romanzo del mondo. “Un romanzo che ha questa qualità di essere scritto molto rapidamente non significa granché di per se stesso. D’altra parte dobbiamo pensare che vuol dire un narratore formato di 53 autori. Ogni scrittore partecipante ha avuto quattro ore a disposizione per scrivere un unico capitolo, di poche pagine. Ciò significa un ritmo assolutamente normale, nelle condizioni in cui allo scrittore è stato indicato un momento molto chiaro da trattare e dei personaggi molto ben descritti. Pur essendo stato scritto in poche ore, il romanzo non è affatto superficiale. Abbiamo trattato molto bene il problema dei personaggi e della trama, ci siamo adoperati al massimo per renderlo attraente. Vi garantisco che è un romanzo che fa ridere, ma che fa anche commuovere, con cambiamenti di situazioni inattese. Siamo molto contenti del risultato. Vale veramente la pena di leggerlo”, ha detto il critico.

Babbo Natale &Co è già in vendita. Marius Chivu ci ha detto che nel Guinness dei Primati non c’era una categoria per questo record, ma i suoi rappresentanti sono stati felicissimi di inventarsene una. Finora, l’unico record letterario romeno apparteneva al sommo poeta romeno Mihai Eminescu, per “L’astro” (Luceafărul), il più lungo poema d’amore.

Traduzione di Carmen Velcu. Fonte: Radio Romania Internazionale

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: