Home > eventi, teatro e arti performative > Omaggio a Brancusi – tournée in Romania della compagnia toscana Telluris Associati

Omaggio a Brancusi – tournée in Romania della compagnia toscana Telluris Associati

15 maggio 2012

Parte da Târgu Jiu la tournée romena della Compagnia Telluris Associati di Pontedera, con “La colonna infinita” di Mircea Eliade, one-man-show con Tazio Torrini, nella regia di Letteria Giuffrè Pagano.

Lo spettacolo, incentrato sulla figura grande scultore Constantin Brâncuși, è stato presentato finora in diverse città italiane (tra cui Firenze, La Spezia, Messina, Roma, Milano e Padova), e torna in Romania dopo la recente presenza al Festival internazionale Gala Star di Bacău, dove è stato calorosamente accolto da critica e pubblico.

La città di Tg. Jiu, nella regione dove Brâncuși è nato, ospita la famosa Colonna infinita e altre opere dello scultore, tra cui Il Tavolo del Silenzio e La Porta del Bacio. È la prima volta che lo spettacolo “La colonna infinita” viene rappresentato nella città del monumento omonimo. “Un’opportunità unica, quella di essere stati invitati con questo spettacolo proprio in Romania, dov’è la Colonna infinita, l’opera che ha ispirato non solo questo spettacolo ma anche dalla quale è partito il nostro progetto di scambio culturale, di cui il festival  teatROmania_emersioni sceniche è un esempio”, ha dichiarato la regista Letteria Giuffrè.

Dopo la tappa nel festival di teatro di Tg. Jiu, domenica 20 maggio, la pièce sarà messa in scena in tre città della Transilvania: Oradea (22 maggio, Sala Arcadia del Teatro di Oradea), Satu Mare (24 maggio, nel Festival „Fără Bariere”, Teatrul de Nord) e Târgu Mureș (26 maggio, Teatrul Ariel).

“Scelta drammaturgica felice, quella di far assumere a un singolo attore tutti i personaggi: perché i vari bambini, adulti e anziani presenti lungo il copione originale sembrano in realtà – ed è l’aura sognante, quasi onirica del testo ad alluderlo – proprio ulteriori e molteplici identità di Brancusi medesimo, persistente a dialogare con svariati volti e figure di differenti età della vita, ora al cospetto del mistero di un’Opera unica e insormontabile sfidante il senso di un’esistenza intera”. (Damiano Pignedoli, Milano)

Fonte e info: Telluris AssociatiFotografie di Liviu Terinte

Temi correlati. Dello stesso Mircea Eliade, sempre nella traduzione di Horia Corneliu Cicortas, quest’estate andrà in scena la pièce Ifigenia, prima italiana al Napoli Teatro Festival (12 e 13 giugno), e in seguito presso il Teatro greco-romano di Catania (dal 26 giugno al 4 luglio), nella regia di Gianpiero Borgia.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: