Home > arti visive, libri > Nina Batalli (1913-1993). Una pittrice tra Romania e Italia

Nina Batalli (1913-1993). Una pittrice tra Romania e Italia

1 maggio 2012

Mercoledì 2 maggio, ore 18,00, Accademia di Romania in Roma, sala conferenze:

 Nina Batalli (1913-1993). Una pittrice tra Romania e Italiaa cura di Claudia Zaccagnini, con un’introduzione di Gheorghe Carageani, Pacini Editore, Pisa, 2012.

 Intervengono: Prof. Gheorghe Carageani, Prof. Dario Evola (Accademia di Belle Arti, Roma), Dott.ssa Claudia Zaccagnini (critico d’arte), Dott.ssa Patrizia Pacini, Pacini editore

“L’originale personalità artistica di Nina Batalli (Snagov/Bucarest 1913 – Roma 1993) viene messa in evidenza in questo approfondito studio critico nel quale, con un ricco corredo iconografico, si analizza l’opera pittorica dell’artista, dalla sua prima formazione in Romania, presso l’Accademia di Belle Arti di Bucarest, alla fuga in Italia, Paese nel quale si stabilisce definitivamente dal 1948. L’eclettismo che caratterizza la pittura di Nina Batalli, ulteriormente enfatizzato dal contatto con l’ambiente italiano, va di pari passo con la sua personalità culturale. La sua casa romana fu un importante punto di incontro e scambio tra intellettuali italiani e romeni dell’esilio, allontanatisi dalla madrepatria per motivazioni politiche. (Qui accanto, Mircea Eliade ritratto da Nina Batalli).

All’Arte di Nina Batalli furono tributati numerosi riconoscimenti italiani e internazionali, in particolare per la sua acuta sensibilità di leggere il paesaggio in delicate ed intense note emotive”.

(frammento tratto dal volume presentato).

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: