Home > associazionismo, inteculturalità, letteratura > “Orizzonti culturali italo-romeni”, nuova rivista online

“Orizzonti culturali italo-romeni”, nuova rivista online

11 dicembre 2011

NASCE LA RIVISTA BILINGUE «ORIZZONTI CULTURALI ITALO-ROMENI»

«Italia e Romania hanno molto da dirsi e da darsi, ben al di là di stereotipi, luoghi comuni, interessi economici – legittimi ma miopi, se non culturalmente animati. La comune matrice latina e la condivisa appartenenza europea possono esprimere risultati di eccellente valore e significato: ne abbiamo tutti un gran bisogno per la reciproca conoscenza e integrazione». 

Nasce con questi auspici, diretta da Afrodita Carmen Cionchin, la nuova rivista on-line bilingue Orizzonti culturali italo-romeni / Orizonturi culturale italo-române, dedicata alla comunicazione interculturale tra Italia e Romania. Interviste, inchieste, studi, presenze letterarie, contributi di ospiti italiani e romeni presentano, con cadenza mensile, il grande patrimonio culturale dei due Paesi, spesso vittime di reciproci stereotipi o fraintendimenti. Tra le firme più prestigiose da parte italiana e romena, figurano intellettuali come Claudio Magris, docenti universitari romenisti e italianisti come Bruno Mazzoni, Lorenzo Renzi, Doina Condea Derer e Geo Vasile.

«Ci auspichiamo – sottolinea ancora l’ideatrice – che la rivista possa far crescere l’interesse del pubblico italiano, inclusi i grandi editori della Penisola, per la cultura e la letteratura romena, e suscitare, nel mondo culturale romeno, aperture e intersezioni con l’universo culturale italiano».

La rivista è edita dall’associazione “Orizzonti culturali italo-romeni”, che con la nuova rivista online prosegue il progetto del sito omonimo, avviato un anno fa.

Afrodita Carmen Cionchin è docente, italianista, romenista e traduttrice.
Membro dell’Associazione Italiana di Romenistica e della Società di Studi Romeni “Miron Costin” dell’Università di Padova, affianca l’attività di ricerca e docenza con la collaborazione a varie pubblicazioni culturali e scientifiche, romene e italiane. (foto: Adevarul.ro)

  1. avv.Sergio Innocenti Roma cell.3923765972
    20 febbraio 2012 alle 16:48

    Ottima iniziativa per far conoscere la cultura del Popolo romeno in Italia.
    Sarei felice di collaborare con articoli sulla Romania,
    Sono stato due volte in Romania e la ritengo bella ed affascinante.
    Gli italiani conoscono solo l’emigrante romeno come lo era l’emigrante italiano negli anni 1970 nel mondo.
    E’ uina visione del tutto sbagliata e comunque del tutto parziale.
    Ritengo che il popolo rumeno debba avere migliore considerazione e solo attraverso la diffusione della cultura e degli scambi interculturali si possa far capire la valenza di questo popolo.
    avv.Sergio Innocenti

    • FIRI
      23 febbraio 2012 alle 11:57

      Gentile avv. Innocenti, grazie per i suoi pensieri e la sua disponibilità. Se ha delle proposte, testi, segnalazioni per questo sito, può inviarcele per email: info.firi@yahoo.it.

  2. Lionello Calauti - Roma
    15 aprile 2012 alle 01:08

    Ritengo che la cultura rumena sia tra le più interessanti d’Europa, e particorarmente vicina alla nostra. Ho conosciuto la Romania più volte come turista è l’ho trovata sempre più meritevole di essere visitata con attenzione ed interesse. Incontro spesso nel lavoro persone di Romania di cui, nella stragrande maggioranza,posso ammirare le doti di
    educazione, rispetto e laboriosità. Penso davvero che una scambievole, più approfondita conoscenza, sarebbe di reciproca utilità ai nostri meravigliosi paesi.
    prof. Lionello Calauti

  3. daniela
    27 ottobre 2012 alle 00:12

    mi fa un enorme piacere vedere che gente di un certo livello come voi parla dell mio paese….. e mereviglioso veramente!!!!!!!! un abbracio per il prof. Lionello Calauti

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: