Home > immigrazione, libri > Bucarest, presentazione del rapporto Caritas sui romeni

Bucarest, presentazione del rapporto Caritas sui romeni

23 giugno 2010

24 giugno, Bucarest, Istituto Teologico Romano-Cattolico, str. General Berthlot 19, ore 10.30-12.10: presentazione del volume I romeni in Italia tra rifiuto e accoglienza (Edizioni Idos, 2010, 192 pp.).

L’incontro di domani, organizzato dalle Caritas romena e italiana, prevede tra altro la partecipazione di mons. Ioan Robu, Arcivescovo romano-cattolico di Bucurest (con una relazione dal titolo “Il coinvolgimento della Chiesa cattolica nell assistenza spirituale dei immigranti romeni in Italia”), del patriarca Daniel, capo della Chiesa Ortodossa Romena (“L’impegno della Chiesa ortodossa nell’assistenza spirituale degli immigranti romeni in Italia”), dell’ambasciatore italiano a Bucarest (“La cooperazione tra Romania e Italia”), di rappresentanti dei ministeri romeni degli Affari Esteri (“La percezione dei romeni all’estero e i progetti del Ministero per i romeni in Italia”) e del Lavoro (“La migrazione della forza di lavoro dalla Romania verso l’Italia”).

Oltre a don Livio Corazza (responsabile Servizio Europa della Caritas Italiana) e a don Egidiu Condac, presidente della Caritas Romena, interverranno dott. Antonio Ricci – Redattore del Dossier Statistico Immigrazione Caritas/Migrantes  e la giornalista  Miruna Căjvăneanu (“Gazeta Românească”- Italia), con la relazione “Il punto di vista dei romeni in Italia”.

Antonio Ricci: “Le statistiche sono un correttivo, in quest’Europa affetta dalla crisi, a chi vuole prendersela sempre e comunque contro gli immigrati. Questa è, in sintesi, la tesi del nostro libro; del resto, sarebbe paradossale che due popoli così imparentati non riuscissero a camminare insieme, per giunta facendo parte della stessa Unione Europea il cui fondamento, come sottolinea anche il magistero pontificio, deve essere la solidarietà”.

Dopo  Bucarest, il volume “I romeni in Italia tra rifiuto e accoglienza”  sarà presentato nel fine settimana a Iași (Moldavia) e a Cluj (Transilvania).

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: