Home > tradizioni > Doina, new entry nel patrimonio UNESCO

Doina, new entry nel patrimonio UNESCO

6 ottobre 2009

Doina, canto romeno lirico della tradizione popolare, iscritto sulla lista del patrimonio UNESCO

Nei giorni scorsi, durante la riunione dell’Unesco svoltasi ad Abu Dhabi (28 settembre – 2 ottobre), è stata aggiornata la lista del “patrimonio culturale immateriale” mondiale, che comprende lingue, arti, tradizioni orali,  riti, feste e saperi considerate dai gruppi umani patrimonio trasmesso dalle generazioni, bagaglio collettivo fondamentale per l’identità e la continuità culturale delle comunità stesse.

Sulla lista, dove la Romania era già rappresentata dal 2005 con il rituale dei “căluşi” (la danza dei căluşari è associata alla festa delle Pentecoste quando i praticanti della attraversano i villaggi  per guarire i malati, grazie ai poteri magici del rito) è stata aggiunta ora la “doina”, insieme tra altro al tango sudamericano (Argentina/Uruguay).

La doina è un canto lirico nostalgico, improvvisato e spontaneo, a ragione chiamato sul sito dell’Unesco “essenza del folclore romeno”. Esso può essere interpretato in modalità canora esclusiva o con accompagnamento orchestrale, perlopiù di strumenti a fiato. La doina ha avuto anche un importante ruolo sociale, esortando alla solidarietà, ed esprimendo sentimenti vari: tristezza, nostalgia, amore, rimpianto, dolore. La doina ha numerose varianti regionali ed è stata fonte di altri generi artistici, come ad esempio le danze popolari. Si considera che la doina sia a rischio di estinzione, perché non è più tramandata di generazione in generazione. Secondo le ricerche, oggi ci sarebbero solo 15 persone che rappresentano le diverse zone di interpretazione di questo genere musicale. La pratica e la trasmissione della doina va perciò rivitalizzata, proprio per consentire a questo elemento importante del patrimonio culturale intangibile della Romania di sopravvivere e rifiorire.

La lista del patrimonio culturale immateriale dell’UNESCO comprende 166 voci di 76 paesi.

Fonte: sito web Unesco.

Il video di 13 minuti sulla doina;


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: