Home > cinema > “Francesca”, il film romeno a Venezia: applausi e polemiche

“Francesca”, il film romeno a Venezia: applausi e polemiche

4 settembre 2009

Applausi e polemiche politiche per il film proiettato alla Mostra del cinema

“Francesca”, il film del regista romeno Bobby Paunescu, uscirà in Italia tra metà ottobre e novembre distribuito dalla Fandango di Domenico Procacci “senza cambiamenti rispetto alla versione proiettata a Venezia”. A chiarirlo, dopo le proteste di Alessandra Mussolini – che ha annunciato un’azione legale – per gli insulti rivolti a lei e al sindaco di Verona Flavio Tosi da uno dei protagonisti della pellicola, è stato proprio Procacci, arrivato alla Mostra del Cinema di Venezia per la presentazione del film che inaugura la sezione Orizzonti.

“La mia intenzione – afferma il produttore – è di rispettare il lavoro del regista. Quegli insulti sono parole che un personaggio del film pronuncia in un certo contesto. Non sono lo slogan o il centro del film. Se poi un’azione legale dovesse avere successo – aggiunge – valuteremo con il regista il da farsi”. Procacci ha spiegato di aver scelto di distribuire il film in Italia perché “si tratta di una gran bella pellicola e perché quello che il film racconta è importante che arrivi in Italia”.

Intanto, nella proiezione in anteprima per la stampa ci sono stati applausi a scena aperta per gli insulti nei confronti dei politici italiani. Il film, applaudito anche nel finale, è tutto incentrato “sulla crisi di identità che permea la società degli ex Paesi comunisti – come afferma lo stesso regista – senza alcun valore e punto fermo”, e racconta la storia di Francesca (l’attrice Monica Bîrlădeanu), una giovane maestra d’asilo romena che sogna di emigrare in Italia.

In realtà il film, che non vedrà mai realizzarsi l’arrivo in Italia della ragazza, è una pesantissima critica alla società romena. “Francesca – sottolinea il regista – è un’opera che tratta delle cose cui siamo fin troppo pronti a rinunciare nell’aspirazione a una vita migliore condotta altrove, mentre tutti si sforzano di trovare il loro posto nel mondo. Si tratta di una storia contemporanea sulla famiglia, sui rapporti, sul bisogno di fidarsi l’uno dell’altro e sulla necessità di affrontare i rischi che si incontrano lungo il cammino, ma anche di uno specchio su questo mondo violento, aggressivo e insicuro”, conclude il regista, che è un noto produttore romeno al suo debutto nel lungometraggio. (Fonte: Adnkronos).

Una breve intervista col regista Bobby Paunescu può essere letta qui.

************************************************************

Aggiornamento 8 settembre (Il Gazzettino): BUCAREST (8 settembre) – Il premier romeno Emil Boc ha dichiarato che, durante la visita ufficiale che farà presto in Italia, discuterà con il collega italiano Silvio Berlusconi il caso del film “Francesca”, le cui proiezioni sono state sospese nei cinema veneziani.

«Si tratta della libertà di espressione e della creazione artistica. Credo sia un eccesso che vada risolto», ha detto Boc ieri sera in un programma alla tv privata B1 e citato oggi dai media romeni. «Discuterò questo aspetto (con Berlusconi – ndr), perché è una persona estremamente aperta e disposta ad affrontare qualsiasi argomento», ha aggiunto il premier.
La decisione di sospendere il film, che include nei dialoghi accuse di razzismo e insulti contro Alessandra Mussolini e il sindaco di Verona Flavio Tosi, era stata presa nei giorni scorsi dal Circuito Cinema Comunali di Venezia su richiesta della casa di distribuzione Fandango.
La fonte precisa che, durante la visita che farà a metà settembre in Italia, su invito del Presidente del Consiglio Berlusconi, Boc sarà anche ricevuto da Papa Benedetto XVI.

  1. 4 settembre 2009 alle 14:29

    abia aștept să-l văd (non vedo l’ora di vederlo)

  2. Cico
    4 settembre 2009 alle 14:47

    Anch’io sono curioso di vederlo. Almeno questo, a differenza di “Mar Nero” che tratta temi simili, pare abbia una migliore distribuzione. I giudizi sono divisi tra chi apprezza il film e chi invece lo critica. Comunque è un debutto, e quindi va preso come tale…

  3. alinaharja
    7 settembre 2009 alle 12:42

    Io non vedo l’ora di vederlo… Dopo questa buffera..

  4. gogoasa adriana
    7 settembre 2009 alle 21:18

    abia astept sa vad filmul!!!

  5. Antonio
    17 settembre 2009 alle 18:20

    Sono un giornalista italiano, l’ho visto a Venezia e mi è piaciuto abbastanza: fornisce un quadro realista e pronfondo (credo, per quel che posso immaginare) delle dinamiche della società rumena. Certo, quei due insulti (un po’ gratuiti, si potevano evitare) distoglieranno l’attenzione sui temi della storia.Comunque è da vedere.
    Però a me era piaciuto anche Mar Nero.

  6. adriano
    11 novembre 2009 alle 18:25

    l-am vazut astazi la Botosani, mi se pare mai mult o autocritica despre Romania.
    L’ho visto oggi a Botosani e mi è sembrato più una critica verso la Romania.

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: