Home > eventi, musica > Al via il Festival Internazionale George Enescu

Al via il Festival Internazionale George Enescu

31 agosto 2009

30 agosto – 26 settembre

Inaugurato nel 1958 per riconoscere il genio del grande compositore romeno, il Festival intitolato a George Enescu, organizzato ogni due anni e sospeso nel 1971 dal regime comunista – è giunto alla 19esima edizione. Dal 30 agosto fino al 26 settembre, Bucarest ed altre quattro grandi città – Sibiu, Braşov, Iaşi e Cluj – riunisce circa 185 artisti, orchestre e direttori consacrati che offrono al pubblico momenti speciali. “Approfittate di quello che vi offre il festival nelle prossime settimane. Vi assicuro che riceverete molto più di quanto avete dato”, ha esortato i presenti all’Opera Nazionale di Bucarest, Ioan Hollender, il direttore del Festival Enescu e dell’Opera di Stato di Vienna. Nel programma dell’evento inaugurato alla presenza di numerose personalità della vita politica e culturale – concerti sinfonici, camerali, recital, spettacoli di opera e balletto, simposi di musicologia e mostre d’arte.

Come vuole la tradizione, il festival è iniziato con l’opera “Edipo” di Enescu, quest’anno in una coproduzione romeno-francese, con una scenografia semplice, ma espressiva, raffigurante un’agora antica. E’ stato un grande successo di pubblico e di critica questa rappresentazione all’Opera Nazionale di Bucarest.

Sul cartellone del festival, centinaia di creazioni appartenenti a 47 compositori tra cui Enescu, Beethoven, Bach, Brahms, Bela Bartok, Ceaikovski o Ravel, ma anche compositori contemporanei. I concerti sono organizzati in serie tematiche – la Musica romena del XXIesimo secolo, Enescu e i suoi contemporanei, Grandi orchestre del mondo, Concerti da camera, Concerti notturni, Spettacoli operistici e di balletto, e Temi classici in arrangiamenti moderni. Il festival include anche l’omonimo concorso internazionale di creazione e interpretazione. All’attuale edizione, i concerti saranno sostenuti in vari luoghi di Bucarest e a Iaşi, Cluj, Braşov e Sibiu. Nella prima settimana si svolgerà il Concorso di creazione e interpretazione, che riunisce 300 partecipanti di oltre 30 Paesi. Tra i partecipanti – artisti, orchestre e direttori di tutto il mondo, come il violinista americano Joshua Bell, la pianista francese Helène Grimaud, l’Orchestra Filarmonica di Londra, la Filarmonica di Radio France, l’Orchestra da Camera di Vienna. La musica del grande compositore Enescu, nell’arrangiamento del pianista jazz di origine romena Lucian Ban, che vive da un decennio a New York, sarà presentata in un concerto speciale “Enesco Re-Imagined”, sostenuto da otto cantanti jazz di New York. Nell’ambito del festival si svolgeranno anche spettacoli di opera e balletto, e una mostra di arte figurativa.

Fonte: Radio Romania Internazionale.

Altri dettagli, comprese le partecipazioni italiane, su AmadeusOnline.

Sito ufficiale del Festival: http://www.festivalenescu.ro/

Sala di concerti dell'Ateneo Romeno

Sala di concerti dell'Ateneo Romeno

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: