Home > associazionismo, Italia > Le Associazioni italo-romene aiutano i terremotati d’Abruzzo

Le Associazioni italo-romene aiutano i terremotati d’Abruzzo

11 aprile 2009

Le Associazioni italo-romene aiutano le vittime del terremoto in Abruzzo

Nei giorni scorsi, in seguito al terribile terremoto che ha colpito l’Abruzzo provocando quasi trecento morti (di cui  cinque accertati di origine romena), numerosi feriti e migliaia di edifici distrutti o danneggiati, le associazioni locali dei romeni, in particolare a L’Aquila e a Sulmona, si sono adoperate fin da subito per dare il loro contributo concreto a favore dei terremotati. Allo stesso tempo, altre associazioni italo-romene si sono attivate, partecipando direttamente ai soccorsi degli sfollati immigrati (come ad esempio Silviu Ciubotaru, presidente dell’Associazione “Noi suntem români”) oppure alla raccolta di beni di prima necessità, organizzata dalla Federazione delle Associazioni per i Romeni in Italia, il cui rappresentante legale e portavoce dell’Associazione EuRomeni d’Italia, Fabio Maria Galiani si è recato all’inizio della settimana nella zona interessata dal sisma per organizzare, in coordinamento con le associazioni e i volontari locali, le operazioni di raccolta di aiuti a sostegno degli sfollati più bisognosi, indipendentemente dalla loro nazionalità. (Fonte: FIRI; foto: http://www.corriere.it).

COMUNICATO STAMPA: Solidarietà e aiuti alle persone colpite dal terremoto in Abruzzo

Roma, 10 aprile 2009. Le Associazioni aderenti a F.A.R.I., Federazione delle Associazioni per i Romeni in Italia (costituita il 25 giugno 2008), stanno organizzando l’invio di aiuti in favore delle persone, di qualsiasi nazionalità, colpite dal sisma in Abruzzo, alle quali esprimono profonda solidarietà. Nei giorni 6 e 7 aprile Fabio Maria Galiani, Portavoce dell’Associazione EuRomeni d’Italia nonché Coordinatore F.A.R.I., si è recato personalmente nelle zone colpite dal terremoto, nei luoghi degli scavi tra le macerie e nei campi di soccorso in via di allestimento, tra i quali Onna, Paganica, Bazzano, Poggio Picenze, San Gregorio e L’Aquila, per verificare le necessità più impellenti e le condizioni degli sfollati, non solo di nazionalità romena, accertare eventuali disparità di trattamento, ed organizzare i primi soccorsi. Nei prossimi giorni le Associazioni aderenti a F.A.R.I. invieranno volontari nelle zone terremotate per fornire il loro contributo. L’iniziativa di solidarietà è aperta all’adesione di cittadini, associazioni ed altri enti privati e pubblici, italiani o stranieri. (Info: Fabio Maria Galiani, cell. 339-1246254)

  1. Mario
    9 agosto 2009 alle 22:02

    importante che si blocchi Dumitru Dragos Eugen , e’ un pazzo nazionalista di estrema destra che rovinerebbe tutta la comunita’ romena.

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: