Home > culture, tradizioni > Amicizia italo-rumena: 1 marzo

Amicizia italo-rumena: 1 marzo

1 marzo 2009

1 marzo, Mărţişor (“Marzolino”), Festa della primavera

Tutto in una spilla. Un cuore, un fiore, una farfalla, uno spazzacamino, tante sono le figure umane e le cose che possono essere raffigurate.

In Romania il 1° marzo c’è l’usanza di offrire alla persona amata o in generale alle donne, un piccolo oggetto che viene appeso ad un cordoncino fatto dall’intreccio di un filo bianco con un filo rosso. Questa spilla si offre alla persona cara che lo porterà per tutto il mese, o almeno nei primi giorni, attaccata al vestito proprio sopra al cuore.

Domenica 1 Marzo, nella Sala Multifunzionale di Via di Monte Giordano, sarà inaugurata la mostra della festa del Mărţişor.

In concomitanza con la mostra diverse coppie di ragazzi e ragazze, vestiti in indumenti tradizionali romeni, distribuiranno in regalo ai viandanti il “mărţişor” in alcune piazze di Roma (Piazza Navona, Piazza del Popolo, Piazza Venezia, Piazza di Spagna, Campo de’ Fiori), e in altre città italiane. L’iniziativa è delle associazioni di amicizia italo-romene.

Per sapere di più sull’origine e sul significato dell’usanza di 1 marzo cliccare qui.

Su youtube, la presentazione in italiano può essere vista qui.

  1. Jessica
    1 marzo 2009 alle 15:20

    Salve, volevo solo dire che “marzollino” in italiano significa un formaggio a base di latte di pecora o latte caprino.

  2. Jessica
    1 marzo 2009 alle 15:23

    “marzolino”. Comunque complimenti alla FIRI.Avete un sito che si occupa di tante iniziative.

  3. FIRI
    1 marzo 2009 alle 15:57

    Grazie per le osservazioni – in effetti sia nel caso del martisor (che si legge “marziscior”) sia del formaggio, l’etimologia deriva dal diminutivo di Marzo – e per i complimenti, e a presto sul nostro sito!

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: